23 Gennaio 2021

Ryder Cup 2023: si procede nei tempi

Gian Paolo Montali Gian Paolo Montali

La Ryder Cup italiana (in programma dal 29 settembre all’1 ottobre 2023 dopo lo slittamento di un anno a causa della pandemia) prende sempre più forma e si prepara a lasciare una legacy importante anche in termini di infrastrutture e viabilità grazie a un lavoro di squadra frutto della collaborazione tra Federazione Italiana Golf e Istituzioni. Il cammino verso la prestigiosa sfida Europa-USA procede a pieno ritmo e in linea con il cronoprogramma. La conferma arriva dalla seduta della commissione Lavori Pubblici della Regione Lazio presieduta da Eugenio Patanè, Presidente della VI Commissione al Consiglio regionale del Lazio. Nel corso della terza audizione per fare il punto con Regione, Astral, Comuni interessati e FIG – rappresentata da Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2023 - è stata evidenziata la “road map” verso il grande appuntamento con la Città Eterna al centro del mondo tra meno di tre anni. Hanno preso parte all’incontro, tra gli altri, l’assessore regionale ai Lavori pubblici e tutela del territorio, mobilità, Mauro Alessandri; l’assessora alle Infrastrutture di Roma Capitale, Linda Meleo; Michel Barbet, sindaco di Guidonia Montecelio e Valerio Novelli, Consigliere Regionale e Presidente VIII Commissione Agricoltura Ambiente.

Ryder Cup 2023 progetto unitario tra legacy e opportunità - La più importante manifestazione di golf al mondo è destinata a lasciare un’eredità importante per il territorio. Una legacy sul piano sportivo e del turismo. E ancora: delle infrastrutture con la questione viabilità al centro del progetto. Che sta coinvolgendo le Istituzioni, bipartisan, con cui la Federazione Italiana Golf, guidata da Franco Chimenti, Vicepresidente Vicario del CONI, collabora continuamente in sintonia con il board della Ryder Cup Europe e il Marco Simone Golf & Country Club.

Il Marco Simone Golf & Country Club, attesa per l’inaugurazione – Il più grande evento golfistico a squadre, che vedrà l’Italia per la prima volta nel ruolo di Paese ospitante, punta a creare posti di lavoro contribuendo a fornire il proprio apporto anche in chiave turistica, con il settore in forte crisi a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria. In attesa che il percorso di gara del circolo presieduto da Lavinia Biagiotti, che si appresta a diventare un punto di riferimento per gli appassionati della disciplina a livello mondiale – venga svelato al mondo (ipotesi marzo per l’inaugurazione) - il progetto Ryder Cup 2023 va avanti con piena unità d’intenti.

Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2023, ha sottolineato: “Per la sfida Europa-USA saranno attese 60/70mila persone al giorno e questo vuol dire che per il settembre 2022 i lavori su via del Marco Simone dovranno essere ultimati per non avere problemi sul tema della viabilità. La stessa cosa riguarda la parte interessata di via della Tiburtina, perché tutti i nostri ospiti verranno da alberghi del centro della città. Prima della Ryder Cup ospiteremo tre Open d’Italia, la massima rassegna del golf tricolore dove assisteremo a un antipasto di quello che sarà uno show planetario”.

 

 

 

Primo piano

  • Ben Hogan
    la perfezione
    Ben Hogan, la perfezione 16/02/2021

    Era un mediocre giocatore sul punto di lasciare il tour. Poi ebbe l’ispirazione: rivoluzionò la tecnica dello swing e nacque un mito. La sua storia

    Fu chiamato “the hawk”, lo sparviero, ma nessuno vedendolo giocare agli inizi della carriera avrebbe potuto ravvisare in Ben Hogan uno dei più grandi giocatori di golf di tutti i tempi. Nella sua splendida carriera ha conquistato ben nove titoli major, primo a vincerne tre nella stessa stagione, impresa emulata solo da Tiger Woods nel 2000. Hogan è scomparso il 25 luglio 1997 a Fort Worth, nel Texas, stato dove era nato il 13 agosto 1912, a Dublin.

    Hogan non ebbe una infanzia facile. La sua famiglia era povera e a dieci anni fu costretto ad andare a lavorare come caddie. Fu un segno del destino indelebile nella sua vita futura. A diciassette anni decise di intraprendere la carriera professionistica dando fondo ai suoi risparmi, ma i risultati sperati non vennero. I soldi finirono presto e fu costretto a enormi sacrifici per sostenere i costi di tre anni assolutamente frustranti. Così decise di dedicarsi all’insegnamento, trovando un posto nel club di Fort Worth. 

    (Per continuare cliccare sul titolo)

Golf Story

  • Masters: come è nata
    la sua leggenda
    Masters: come è nata la sua leggenda 06/11/2020

    La storia del Masters, ufficialmente iniziata nel 1934, forse si dovrebbe retrodatare di otto anni, perché senza l’uragano che investì la Florida nel settembre del 1926 gli eventi avrebbero preso sicuramente una strada diversa, magari senza neanche partire da Augusta. Ma andiamo con ordine. L’Augusta National rappresenta la realizzazione di un sogno di Robert Tyre Jones, detto Bobby, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi. Voleva fondare un circolo dove le tradizioni del gioco, alle quali era profondamente attaccato, fossero non solo osservate ma anche tramandate, ma desiderava anche un club in cui poter giocare insieme agli amici in un ambiente tranquillo, lontano dagli sguardi degli spettatori.

    Questa idea se l’era portata dietro per tutta la carriera da giocatore e, nel 1930, quando si ritirò dall’attività agonistica ad appena 28 anni, decise che era il momento di portarla a compimento. In quell’anno Jones aveva compiuto la più straordinaria impresa golfistica che si potesse immaginare: vincere i quattro major dell’epoca, diversi da quelli attuali... (continua cliccando sul titolo dell'articolo)

Viaggi

Attualità

Cerca