01 Agosto 2022

Superlega Araba: Henrik Stenson debutta, vince e si porta a casa 4.375.000 dollari

Henrik Stenson Henrik Stenson

Proprio quello che non t’aspetti e che forse neanche lui si atteneva. Lo svedese Henrik Stenson al debutto nella Superlega Araba, dopo essere stato defenestrato da capitano del Team Europe per la Ryder Cup 2023 a Roma, colpevole di essersi fatto contaminare dai petroldollari, ha vinto la prima gara a cui ha partecipato, il LIV Golf Invitational Bedminster. Ha chiuso il torneo con 202 (64 69 69, -11) colpi sul percorso del Trump National Golf Club (par 71) di Bedminster, in New Jersey negli Stati Uniti, struttura dell’ex presidente USA Donald Trump il quale è riuscito a scatenare polemiche per aver ospitato la manifestazione, per aver partecipato alla Pro Am d’apertura e anche per aver stimolato i campioni ad accettare le offerte (faraoniche) della Superlega.

Un piccolo ragionamento. Stenson è stato molto criticato per la sua scelta, ma a 46 anni, quando la carriera è agli sgoccioli, o addirittura già passata - tanto che non vinceva su un circuito dal 2017 (Wyndham Championship, PGA Tour) e che era riuscito a farsi rivedere sul gradino più alto del podio nell’Hero Wold Challenge, la gara spettacolo di Tiger Woods riservata a pochi eletti e che è fuori da ogni tour – all’improvviso si è ritrovato sul conto corrente 4.000.000 di dollari della prima moneta per la gara individuale, su un montepremi di 20 milioni di dollari, con l’aggiunta di altri 375.000 dollari per il secondo posto nella gara a squadre. Senza contare il corposo premio di ingaggio. Francamente è difficile condannare la sua scelta di lasciare gli onori e gli oneri da capitano della Ryder Cup sostanzialmente in cambio della vita… discretamente agiata che ha ormai davanti.

La gara – Stenson ha fatto corsa di testa e ha respinto gli attacchi di Dustin Johnson e di Matthew Wolff (204, -9) il cui inseguimento è rimasto corto di due colpi. In quarta posizione con 205 (-8) il messicano Carlos Ortiz, in quinta con 206 (-7) Patrick Reed, in sesta con 209 (-4) Talor Gooch, Turk Pettit, gli inglesi Paul Casey e Lee Westwood e lo spagnolo Sergio Garcia, che ha dichiarato di non voler lasciato il DP World Tour per rimanere in gioco in vista della Ryder Cup 2023. Poco prima di metà classifica i due sudafricani vincitori dei tornei precedenti: Branden Grace (Portland), 13° con 211 (-2), e Charl Schwartzel (London), 17° con 213 (par).

Nella gara a squadre successo con “meno 25” del team "4 Aces GC" guidato da Johnson, con Gooch, Reed e Pat Perez che si sono divisi tre milioni di dollari, quindi  con “meno 17” la compagine “Majesticks GC” con Stenson, come detto, Ian Poulter, Sam Horsfield e il capitano Westwood (per loro 1.500.000 dollari) e al terzo posto con “meno 12” i “Fireballs” GG con gli spagnoli Garcia, ed Eugenio Lopez-Chacarra e i messicani Ortiz e Abraham Ancer che hanno ricevuto 500.000 dollari.

Prossimi impegni dal 2 al 4 settembre a Boston e dal 16 al 18 settembre a Chicago.

 

SECONDO GIRO - Lo svedese Henrik Stenson, al debutto nella Superlega Araba, è rimasto da solo al comando con 133 (64 69, -9) colpi nel LIV Golf Invitational Bedminster, il terzo evento nel calendario del nuovo circuito che si sta svolgendo al Trump National Golf Club (par 71) di Bedminster, in New Jersey negli Stati Uniti, struttura dell’ex presidente USA Donald Trump.

Stenson, 46enne di Gothenburg, ha deciso di accettare le proposte arabe suscitando l’ira funesta della Ryder Cup Europe, con conseguente revoca dell’incarico di capitano del Team Europe per la Ryder Cup 2023 a Roma, e ora potrebbe tornare a vincere dopo cinque anni (ultimo successo nel Wymdham Championship 2017, PGA Tour) e intascare tutti insieme quattro milioni di dollari di prima moneta e forse altro ancora proveniente dalla graduatoria a squadre. Da assommarsi al cospicuo premio di ingaggio già pattuito con la Superlega. In carriera Stenson ha conquistato un major (US Open, 2016), un WGC e, al netto di questi, quattro vittorie sul circuito americano e nove sul DP World Tour, oltre a un titolo sul Sunshine Tour, tre sul Challenge Tour, uno sull’Hero World Challenge e a una World Cup (con Robert Karlsson). Per lui anche una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio 2016 e cinque presenze nel Team Europe in Ryder Cup (tre vittorie).

Nel giro finale Stenson dovrà respingere il presumibile attacco di Dustin Johnson, ex numero uno mondiale, secondo con 136 (-6) colpi, così come quelli di Patrick Reed, con il quale condivideva la prima piazza nel round d’apertura, di Talor Gooch e del messicano Carlos Ortiz, terzi con 137 (-5). Chances anche per il thailandese Phachara Khongwatma, per l’inglese Lee Westwood e per l’americano Turk Pettit. sesti con 138 (-4).

Non hanno possibilità di ripetersi i vincitori dei primi due eventi. Il sudafricano Charl Schwartzel (London) è nono con 139 (-3) e il connazionale Branden Grace (Portland) è 17° con 143 (-1). Tra di loro lo spagnolo Sergio Garcia, 11° con 140 (-2). che ha dichiarato di non voler lasciare il DP World Tour, perché non vuol rinunciare a priori alla possibilità di giocare nella Ryder Cup 2023 a Roma.

Nella gara a squadre, il team "4 Aces GC" composto da Reed, Johnson, Pat Perez e Gooch e in vetta con un totale di "-20" e sei colpi di vantaggio sul "Majesticks GC" guidato da Lee Westwood, con Stenson, Ian Poulter e Sam Horsfield. Al terzo posto con “meno 7” la compagine del “Firebalss GC” con gli spagnoli Garcia, ed Eugenio Lopez-Chacarra e i messicani Ortiz e Abraham Ancer.

Partecipano all’evento 48 giocatori (divisi in 12 compagini di quattro) che competono per un montepremi di 20 milioni di dollari (prima moneta come detto di quattro milioni) nell’individuale e per altri cinque milioni nella prova a squadre di cui tre sole gratificate nell’ordine con tre milioni di dollari, 1,5 milioni e 500.000 dollari.

 

PRIMO GIRO - Non poteva esservi miglior debutto nella Superlega Araba per lo svedese Henrik Stenson, leader con 64 (-7) colpi, insieme all'americano Patrick Reed, nel LIV Golf Invitational Bedminster, il terzo evento nel calendario del nuovo circuito che si sta svolgendo al Trump National Golf Club (par 71) di Bedminster, in New Jersey negli Stati Uniti. La struttura appartiene all’ex Presidente USA Donald Trump il quale ha dato un bel contributo alle polemiche prima invitando i big mondiali a cedere alle lusinghe della Superlega Araba e poi partecipando alla pro am d’apertura.

Quanto a Stenson aveva già scatenato l’inferno con la sua decisione di entrare nel vortice dei milioni di petroldollari, non per il fatto in sé, che data la sua età (46 anni) e il suo peso specifico piuttosto scarso come golfista nelle ultime stagioni era poco rilevante, quanto perché aveva la carica di Capitano Europeo per la prossima Ryder Cup di Roma nel 2023. Ovviamente è stato subito rimosso, ma il successore ancora non è arrivato.

Stenson e Reed hanno marciato di pari passo con otto birdie e un bogey e hanno lasciato

a due colpi il thailandese Phachara Khongwatmai (66, -5). "E' il miglior giro che abbia giocato dall'inizio dell'anno. Sono state settimane impegnative e non divertenti, ma ora sono concentrato sul golf giocato" ha detto lo svedese al termine.

Al quarto posto con 67 (-4) Dustin Johnson e il messicano Carlos Ortiz e al sesto con 68 (-3) Brooks Koepka e Charles Howell III, altro debuttante, il tedesco Martin Kaymer e l'inglese Ian Poulter. Hanno già un buon ritardo, 15.i con 70 (-1), i sudafricani Charl Schwartzel e Branden Grace, vincitori dei primi due tornei, rispettivamente a Londra e a Portland. Con loro lo spagnolo Sergio Garcia, che ha dichiarato di non voler lasciare il DP Wolrd Tour, perché punta a partecipare alla prossima Ryder Cup, lui che detiene il record di punti conquistati nella manifestazione.

In contemporanea si sta svolgendo la gara a squadre dove è al vertice con “meno 11” la formazione “4 Aces GC” con Johnson, Reed, Pat Perez e Talor Gooch che precede il team "Majesticks GC" con Stenson, Poulter, Lee Westwood e Sam Horsfield (meno 10).

Partecipano all’evento 48 giocatori (divisi in 12 compagini di quattro) che competono per un montepremi di 20 milioni di dollari (prima moneta di quattro milioni) nell’individuale e per altri cinque milioni nella prova a squadre di cui tre sole gratificate nell’ordine con tre milioni di dollari, 1,5 milioni e 500.000 dollari.

 

LA VIGILIA - Le continue polemiche fanno da filo conduttore sin dalla nascita alla Superlega Araba e anche il terzo evento, il LIV Invitational Bedminster (29-31 luglio), ha avuto stessa sorte. Si gioca al Trump National Golf Club di Bedminster, in New Jersey negli Stati Uniti, una struttura che appartiene all’ex Presidente USA Donald Trump e questo già sarebbe bastato. Trump, però, ha voluto aggiungere del suo invitando i big mondiali ad accettare le proposte della Superlega. Insomma un po’ di benzina sul fuoco era proprio quello che ci voleva.

Nel torneo debutta lo svedese Henrik Stenson, dopo il pandemonio che ha scatenato con la sua decisione di seguire le sirene arabe e l’inevitabile reazione di sollevarlo dall’incarico di Capitano del Team Europe per la Ryder Cup 2023. Con lui saranno all’esordio gli altri ultimi due nuovi acquisti, Charles Howell III e Jason Kokrak, che però essendo giocatori di secondo piano non hanno suscitato emozioni o diatribe particolari.

Nel field gli statunitensi Dustin Johnson, Patrick Reed, Bryson DeChambeau, Brooks Koepka, Phil Mickelson, Matthew Wolff, il tedesco Martin Kaymer, e lo spagnolo Sergio Garcia, che però non vorrebbe distaccarsi dal DP World Tour per non rinunciare alla Ryder Cup 2023, lui che ha il record di punti conquistati nella competizione.

Particolarmente agguerrito il quartetto sudafricano composto da Louis Oosthuizen, Charl Schwartzel, Branden Grace ed Hennie Du Plessis, che fino ad ora l’ha fatta da padrone sia nella gara individuale che in quella a squadre sotto il nome di Stinger. Schwartzel e Grace si sono imposti nei primi due tornei (London e Portland) e il quartetto nella classifica per team è giunto rispettivamente primo e secondo. Stenson sarà nel “Majestic” con gli inglesi Lee Westwood, Ian Poulter e Sam Horsfield.

Partecipano all’evento 48 giocatori (divisi in 12 compagini di quattro) che competono per un montepremi di 20 milioni di dollari (prima moneta di quattro milioni) nell’individuale e per altri cinque milioni nella prova a squadre di cui tre sole gratificate nell’ordine con tre milioni di dollari, 1,5 milioni e 500.000 dollari. Considerando che cumulando i premi Schwartzel a Londra si è portato a casa 4.750.000 dollari e Grace a Portland 4.375.000 dollari, resta da chiedersi quanto sia difficile per i giocatori non cedere alle tentazioni arabe. Specie poi tenendo presente pure il sostanzioso premio di ingaggio per invogliarli a cambiare casacca, lasciando i loro tour.

Superlega 2023: 25 tornei - Intanto la Superlega cresce e ha annunciato 25 tornei nella prossima stagione divisi in due parti, Vi sarà la LIV Golf League con 14 gare e in ognuna di esse saranno in campo 48 giocatori che, divisi in gruppi di quattro, competeranno anche a squadre, In palio 405 milioni di dollari complessivi.

Altri undici tornei, etichettati come International Series, verranno organizzati in combinata con l’Asian Tour. La LIV Golf ha precisato che i calendari non interferiranno con i major "o altri appuntamenti storici. Con i protagonisti che saranno sempre in grado di fare le proprie scelte e decidere dove giocare".

Primo piano

  • DP World Tour: Dunhill Links in Scozia con formula Pro-Am. In campo sei italiani
    DP World Tour: Dunhill Links in Scozia con formula Pro-Am. In campo sei italiani 28/09/2022

    Torna un evento classico nel calendario del DP World Tour, l’Alfred Dunhill Links Championship, in programma dal 29 settembre al 2 ottobre. Nato nel 2001 e giunto alla 21ª edizione, il torneo si disputa con formula Pro-Am, con coppie, formate da un pro e da un dilettante, in cui figureranno personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo e della cultura. Si gioca sui tre percorsi scozzesi dell’Old Course di St. Andrews, del Carnoustie Golf Links e del Kingsbarns Golf Links sulla distanza di 72 buche con taglio dopo 54 che lascerà in gara per il round conclusivo i primi 60 pro della graduatoria individuale e le prime 20 coppie di quella a squadre, oltre ai pari merito.

    Gli azzurri - Sei gli italiani in gara: Guido Migliozzi, molto atteso dopo la spettacolare rimonta con cui si è imposto domenica scorsa nel Cazoo Open de France, Francesco Molinari, deciso a prendere punti nella corsa verso la Ryder Cup 2023, Renato Paratore, Andrea Pavan e Francesco Laporta, terzetto teso a chiudere la stagione con acuti significativi, e Filippo Celli, passato al professionismo in occasione del DS Automobiles 79° Open d’Italia.

    (Cliccare sul titolo per contnuare a leggere)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca