14 Novembre 2020

Challenge: a segno Pep Angles, Zemmer 13°

Pep Angles (Getty Images) Pep Angles (Getty Images)

Spagnoli profeti in patria esercitando un assoluto dominio nell’Andalucía Challenge de Cádiz, penultimo torneo stagionale del Challenge Tour che si è disputato alll’Iberostar Real Club de Golf Novo Sancti Petri (par 72), a Cadice in Spagna. Ha ottenuto il primo titolo nel circuito Pep Angles, 27enne di Barcellona, che con un giro finale in 69 colpi (-3, cinque birdie, due bogey) e lo score di 274 (72 67 66 69, -14) ha avuto ragione del connazionale Alfredo Garcia-Heredia, leader dopo tre turni, e dell’inglese Matthew Baldwin, secondi con 275 (-13). Un terzo iberico tra i top ten, il dilettante Eduard Rousaud, quarto con 279 (-9), e al quinto posto con 281 (-7) il norvegese Kristian Krogh Johannessen e i tedeschi Allen John e Marcel Schneider, in vetta alla money list.

Il torneo ha definito i primi 45 classificati nell’ordine di merito che parteciperanno all’ultimo evento della stagione, il Challenge Tour Grand Final (19-22 novembre) al T-Golf & CC nell’isola di Maiorca, sempre in Spagna, dove i primi 20 della money list avranno le “carte” per l’European Tour 2021.

Ha provato a entrare tra gli eletti Aron Zemmer, che ha rimontato dal 26° al 13° posto con 284 (72 71 72 69, -4), grazie a un parziale di 69 (-3, sei birdie, tre bogey), ma non è bastato perché è rimasto fuori per pochi punti (48° nell’ordine di merito). Nel torneo hanno concluso al 33° posto Enrico Di Nitto con 288 (70 76 69 73, par) e al 50° con 294 (75 73 75 71, +6) Federico Maccario ed è uscito al taglio dopo 36 buche Lorenzo Scalise, 65° con 149 (70 79, +7), out per un colpo. A Pep Angles è andato un assegno di 32.000 euro su un montepremi di 200.000 euro.

TERZO GIRO - Nell’Andalucía Challenge de Cádiz Enrico Di Nitto si è portato dal 42° al 26° posto con 215 (70 76 69, -1) dove ha la compagna di Aron Zemmer (215 – 72 71 72), che ha guadagnato due posizioni, mentre è rimasto in retrovia Federico Maccario 59° con 223 (75 73 75, +7),

Nel penultimo torneo stagionale del Challenge Tour che si sta disputando alll’Iberostar Real Club de Golf Novo Sancti Petri (par 72), a Cadice in Spagna, stanno dominando i giocatori di casi dei quali sei sono nelle prime undici posizioni. In una classifica che si è di molto allungata è al vertice con 204 (69 71 64, -12) Alfredo Garcia-Heredia, 38enne di Gijon senza titoli sul circuito, che con un 64 (-8, nove birdie, un bogey) precede di un colpo Pep Angles (205, -11). In terza posizione con 207 (-9) l’inglese Matthew Baldwin, in quarta con 208 (-8) lo svedese Christofer Blomstrand, in quinta con 210 (-6) il dilettante iberico Eduard Rousaud e in sesta con 211 (-5) il tedesco Marcel Schneider, leader dell’ordine di merito. In settima con 212 (-4) l’inglese Daniel Gavin, lo svedese Jens Dantorp e altri tre spagnoli, Santiago Tarrio, Alvaro Muller (am) e Jacobo Pastor, leader dopo due turni.

Enrico Di Nitto è risalito con quattro birdie e un bogey per un parziale di 69 (-3), Aron Zemmer ha girato nel 72 del par con un eagle, due birdie e quattro bogey e per Federico Maccario un 75 (+3) con tre bogey. E’ uscito al taglio per un colpo Lorenzo Scalise, 65° con 149 (70 79, +7).

La gara definirà i primi 45 classificati nella money list che poi andranno a contendersi le venti “carte” per l’European Tour 2021 nel Challenge Tour Grand Final (19-22 novembre) al T-Golf & CC nell’isola di Maiorca, sempre in Spagna

SECONDO GIRO - Nell’Andalucía Challenge de Cádiz, penultimo torneo stagionale del Challenge Tour che si sta disputando alll’Iberostar Real Club de Golf Novo Sancti Petri (par 72), a Cadice in Spagna, lo spagnolo Jacobo Pastor (137 - 68 69, -7) ha raggiunto in vetta l’irlandese Niall Kearney (137 – 66 71) e i due precedono di un colpo l’inglese Matthew Baldwin (138, -6).

Ha recuperato terreno Aron Zemmer, da 28° a 21° con 143 (72 71, -1) colpi, ne ha perso Enrico Di Nitto, 42° con 146 (70 76, +2), è rimasto in retrovia Federico Maccario, 55° con 148 (75 73, +4), mentre è uscito al taglio per un colpo Lorenzo Scalise, 65° con 149 (70 79, +7).

Sono in quarta posizione con 139 (-5) il tedesco Marcel Schneider, leader dell’ordine di merito, e l’iberico Pep Angles e in sesta con 140 (-4) l’altro spagnolo Alfredo Garcia-Heredia, l’inglese Scott Gregory e il tedesco Allen John.

La gara definirà i primi 45 classificati nella money list che poi andranno a contendersi le venti “carte” per l’European Tour 2021 nel Challenge Tour Grand Final (19-22 novembre) al T-Golf & CC nell’isola di Maiorca, sempre in Spagna

PRIMO GIRO - Buona partenza di Enrico Di Nitto e di Lorenzo Scalise, settimi con 70 (-2) colpi nell’Andalucía Challenge de Cádiz, dove è al vertice con 66 (-6) l’irlandese Niall Kearney. È il penultimo torneo stagionale del Challenge Tour che si sta disputando alll’Iberostar Real Club de Golf Novo Sancti Petri (par 72), a Cadice, dove si è svolto il precedente Andalucía Challenge de España.

La gara definirà i primi 45 classificati nell’ordine di merito che poi andranno a contendersi le venti “carte” per l’European Tour 2021 nel Challenge Tour Grand Final (19-22 novembre) al T-Golf & CC nell’isola di Maiorca, sempre in Spagna. Di Nitto, 52° nell’ordine di merito, ha ottime possibilità di entrare nei 45, ma anche se con opportunità diverse possono ancora sperare Scalise (64° OM) e gli altri due italiani in campo, Aron Zemmer (56° OM), 28° con 72 (par), e Federico Maccario (63° OM), 62° con 75 (+3).

Kearney, 32enne di Dublino, senza titoli sul circuito, ha realizzato un eagle e quattro birdie che gli hanno concesso due colpi di vantaggio sullo spagnolo Jacobo Pastor (68, -4) e tre su un gruppetto composto dal finlandese Roope Kakko, dal tedesco John Allen e da altri due iberici, Alfredo Garcia Heredia e Manuel Elvira (69, -3).

Enrico Di Nitto ha segnato quattro birdie e due bogey, Scalise cinque birdie e tre bogey, Zemmer tre birdie e altrettanti bogey e Maccario tre birdie e sei bogey. Il montepremi è di 200.000 euro-

LA VIGILIA - II Challenge Tour è alle battute finali. Mancano due tornei alla conclusione entrambi programmati in Spagna, l’Andalucía Challenge de Cádiz (11-14 novembre), che avrà luogo sul percorso dell’Iberostar Real Club de Golf Novo Sancti Petri, a Cadice, dove si è svolto il precedente Andalucía Challenge de España, e il Challenge Tour Grand Final (19-22 novembre) al T-Golf & CC nell’isola di Maiorca. dove saranno ammessi i primi 45 della Road To Mallorca (l’ordine di merito) che avranno l’opportunità di conquistare una delle venti “carte” per l’European Tour 2021 assegnate al termine.

A Cadice saranno in gara quattro italiani, Enrico Di Nitto, Lorenzo Scalise, Federico Maccario e Aron Zemmer, tutti lontani dalla ventesima piazza, ma che potrebbero rientrare con una vittoria e che comunque cercheranno di staccare il biglietto per Maiorca.

Nel field quattro dei primi cinque della money list, i tedeschi Marcel Schneider, numero 1, e Hurly Long (n. 5), l’inglese Matt Ford (n. 3), e lo spagnolo Pep Angles (n- 4), tutti ormai sicuri di cambiare circuito. Assente Richard Mansell, numero 2, perché la scorsa settimana è risultato positivo al Covid-19. mentre ci sarà bagarre attorno al 20° posto perché mancheranno l’olandese Wil Besseling (17°), il sudafricano Wilco Nienaber (18°) e il francese Robin Sciot-Siegrist (20°), probabilmente destinati a lasciar spazio a chi li segue. Il montepremi è di 200.000 euro

Primo piano

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Golf Story

  • Masters: come è nata
    la sua leggenda
    Masters: come è nata la sua leggenda 06/11/2020

    La storia del Masters, ufficialmente iniziata nel 1934, forse si dovrebbe retrodatare di otto anni, perché senza l’uragano che investì la Florida nel settembre del 1926 gli eventi avrebbero preso sicuramente una strada diversa, magari senza neanche partire da Augusta. Ma andiamo con ordine. L’Augusta National rappresenta la realizzazione di un sogno di Robert Tyre Jones, detto Bobby, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi. Voleva fondare un circolo dove le tradizioni del gioco, alle quali era profondamente attaccato, fossero non solo osservate ma anche tramandate, ma desiderava anche un club in cui poter giocare insieme agli amici in un ambiente tranquillo, lontano dagli sguardi degli spettatori.

    Questa idea se l’era portata dietro per tutta la carriera da giocatore e, nel 1930, quando si ritirò dall’attività agonistica ad appena 28 anni, decise che era il momento di portarla a compimento. In quell’anno Jones aveva compiuto la più straordinaria impresa golfistica che si potesse immaginare: vincere i quattro major dell’epoca, diversi da quelli attuali... (continua cliccando sul titolo dell'articolo)

Viaggi

Attualità

Cerca