22 Novembre 2020

Eurotour: vince J.B. Hansen, Scalise 23°

Lorenzo Scalise Lorenzo Scalise

Il danese Joachim B. Hansen con lo score di 265 (66 68 64 67, -19) colpi ha ottenuto il primo titolo in carriera sul tour maggiore nel Joburg Open, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Sunshine Tour, disputato sul percorso del Randpark GC (par 71), a Johannesburg in Sudafrica, dove Lorenzo Scalise, dopo una buona prova, si è classificato 23° con 277 (67 70 72 68, -7).

Hansen, 30enne di Hillerod fino ad ora con due successi sul Challenge Tour, secondo dopo tre turni con un colpo di ritardo dal 20enne sudafricano Wilko Nienaber, ha condotto l’inseguimento con accortezza e pazienza e con un 67 (-4, quattro birdie) ha messo sotto pressione il suo giovane avversario che, una volta vistosi raggiunto, ha ceduto lasciandogli strada con due bogey sulle ultime due buche e terminando secondo con 267 (-17). Sostanzialmente beffati in extremis i giocatori di casa, che avevano tenuto banco per 70 buche, anche se il terzo posto di Shaun Norris (268, -16) e il quarto di Brandon Stone (271, -13), oltre al secondo di Nienaber, non possono far parlare di bilancio negativo.

Stone è stato affiancato dal canadese Aaron Cockerill e dall’inglese Steve Surry, hanno occupato la settima piazza con 272 (-12) i sudafricani Jacques Blaauw e Bryce Easton, l’olandese Lars Van Meijel e l’inglese Richard Bland, quindi in 11ª con 273 (-11) il sudafricano Darren Fichardt, vincitore di questa gara nel 2017, e in 30ª con 279 (-5) lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, a segno in due Open d’Italia

Lorenzo Scalise ha concluso con un parziale di 68 (-3) dovuto a quattro birdie e a un bogey. Ha iniziato 17ª posizione, passando poi per la 19ª e la 34ª nel terzo turno dove ha pagato forse più del dovuto l’unico score sopra par (72, +1). E’ uscito al taglio Andrea Pavan, 155° con 162 (83 79, +20)

Dopo questo evento vi saranno altre due gare in Sudafrica, l’Alfred Dunhill Championship (26-29 novembre) e il South African Open (3-6 dicembre).

TERZO GIRO - I giocatori sudafricani continuano ad essere i protagonisti nel Joburg Open, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Sunshine Tour, che si sta svolgendo sul percorso del Randpark GC (par 71), a Johannesburg in Sudafrica, dove guida la graduatoria Wilco Nienaber con 197 (63 67 67, -16) colpi e Lorenzo Scalise è 34° con 209 (67 70 72, -4).

Ben quattro giocatori di casa sono tra i primi sei classificati dopo la terza giornata che ha avuto quale prologo la conclusione del secondo giro, sospeso per l’oscurità. Il ventenne Nienaber, in cerca del primo successo, è tornato al vertice con un 67 (-4, sei birdie, due bogey) dove era già stato nel turno d’apertura e precede di misura il danese Joachim B. Hansen (198, -15).

I due sembrano potersi contendere la vittoria in un testa a testa, poiché sono lontani i quattro concorrenti al terzo posto con 202 (-11), l’inglese Richard Bland e i sudafricani Brandon Stone, Shaun Norris e Jacques Blaauw, quest’ultimo in vetta dopo 36 buche. In settima posizione con 203 (-10) il canadese Aaron Cockerill e si è portato in decima con 205 (-8) il sudafricano Darren Fichardt, a segno in questa gara nel 2017, affiancato, tra gli altri, dal connazionale Dean Burmester e dallo statunitense Julian Suri. Passi indietro dello spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, vincitore di due Open d’Italia, 18° con 206 (-7), mentre l’altro iberico Adrian Otaegui, ha lo stesso score di Scalise. Sono usciti al taglio l’indiano Shubhankar Sharma, 152° con 155 (+13), che difendeva il titolo, e Andrea Pavan, 155° con 162 (83 79, +20). Scalise ha girato in 72 (+1) colpi con due birdie e tre bogey. Il montepremi è di 19.500.000 rand (circa 1.068.000 euro).

SECONDO GIRO - Secondo giro sospeso, dopo uno stop per maltempo e la ripresa fino all’oscurità, nel Joburg Open, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Sunshine Tour, che si sta svolgendo sul percorso del Randpark GC (par 71), a Johannesburg in Sudafrica. Giocatori di casa ancora protagonisti, ma con l’entrata in scena di Jacques Blaauw, 34enne di Paarl con tre successi sul Sunshine Tour, al vertice della classifica provvisoria con 129 (66 63, -13) dopo aver realizzato con 63 (-8, un eagle, sette birdie, un bogey) lo score migliore di giornata. E’ rimasto in buona posizione Lorenzo Scalise, 19° con 137 (67 70, -5), mentre uscirà al taglio Andrea Pavan, 156° con 162 (83 79, +20).

Blaauw ha sorpassato il connazionale Wilko Nienaber, ora secondo con 130 (-12), in vetta dopo un turno con l’altro sudafricano Shaun Norris, sceso al quinto posto con “meno 9” e con tre buche da finire. È preceduto dal canadese Aaron Cockerill (132) e dal danese Joachim B. Hansen, stesso “meno 10”, ma stoppato alla buca 16. Tra coloro che hanno completato il turno sono in sesta posizione con 134 (-8) lo statunitense Julian Suri, l’inglese Richard Bland e il gallese Rhys Enoch, in nona con 135 (-7) lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, vincitore di due Open d’Italia, e in 14ª con 136 (-6) il sudafricano Darren Fichardt, a segno in questa gara nel 2017.

Più indietro l’iberico Adrian Otaegui, 37° con 139 (-3), e pessima difesa del titolo dell’indiano Shubhankar Sharma, 153° con 155 (+13), che rimarrà fuori dal torneo. Lorenzo Scalise ha segnato cinque birdie, un bogey e un doppio bogey per il 70 (-1). Il montepremi è di 19.500.000 rand (circa 1.068.000 euro).

PRIMO GIRO - Sudafricani subito all’attacco nel Joburg Open, primo di un trittico di tornei in Sudafrica che l’European Tour ha organizzato insieme al Sunshine Tour e che sarà seguito dall’Alfred Dunhill Championship (26-29 novembre) e dal South African Open (3-6 dicembre).

Sul percorso del Randpark GC (par 71), a Johannesburg, sono infatti al comando con 63 (-8) colpi Wilco Nienaber e Shaun Norris davanti allo statunitense Johannes Veerman e al canadese Aaron Cockerill (64, -7). Tonica prova di Lorenzo Scalise che con un 67 (-4) è al 17° posto, mentre non è stata una giornata felice per Andrea Pavan, 156° con 83 (+12).

Sono in quinta posizione con 65 (-6) il gallese Rhys Enoch, il brasiliano Adilson Da Silva, una carriera tutta nel Sunshine Tour, l’inglese Richard McEvoy, lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño e Benjamin Follett-Smith dello Zimbabwe. Ha lo stesso score di Scalise il sudafricano Darren Fichardt, vincitore della gara nel 2017, è al 35° posto con 69 (-2 lo spagnolo Adrian Otaegui e al 61° con 70 (-1) l’altro sudafricano Richard Sterne, unico a segno due volte nell’evento (2008, 2013). Difesa del titolo praticamente già fallita per l’indiano Shubhankar Sharma, 24enne di Jhansi, 145° con 76 (+5).

Shaun Norris, 38enne di Pretoria con quattro titoli sul Japan Tour, due sul Sunshine Tour e due sull’Asian Tour, ha segnato un eagle e sei birdie, e Wilco Nienaber, un emergente ventenne, ha effettuato un cammino più tortuoso, ma egualmente efficace, con un eagle, nove birdie e tre bogey. Lorenzo Scalise ha fatto percorso netto con quattro birdie senza bogey. Il montepremi è di 19.500.000 rand (circa 1.068.000 euro).

LA VIGILIA - Andrea Pavan e Lorenzo Scalise saranno gli unici due italiani in gara nel Joburg Open (19-22 novembre), primo di un trittico di tornei in Sudafrica che l’European Tour ha organizzato insieme al Sunshine Tour e che sarà seguito dall’Alfred Dunhill Championship (26-29 novembre) e dal South African Open (3-6 dicembre).

La gara, che si disputa sul percorso del Randpark GC, a Johannesburg, e giunta alla 13ª edizione, torna in calendario dopo uno stop di tre anni con le ultime due disputate nel 2017, a febbraio e a dicembre, stesso anno solare, ma collocato in due stagioni diverse del’European Tour. Difende il primo dei due titoli conquistati in carriera l’indiano Shubhankar Sharma, 24enne di Jhansi, in un contesto in cui i giocatori sudafricani, che sono in preponderanza, proveranno a prendersi la scena come hanno già fatto in otto precedenti occasioni. Saranno tre i past winner in campo con due che dopo aver ottenuto il successo nel Joburg Open poi sono rimasti a secco, Richard Sterne, autore di una doppietta (2008, 2013), sei successi sul tour, e Darren Fichardt (febbraio 2017, ultimo dei suoi cinque titoli). Con loro Haydn Porteous (2016), che successivamente ha vinto ancora (tre titoli nel palmarès). Da seguire anche altri sudafricani quali Garrick Higgo, suo il recente Open de Portugal, JC Ritchie, a segno nella prima gara del Challenge Tour 2020 (Limpopo Championship), Christiaan Bezuidenhout, Zander Lombard, Jaco Van Zyl, Wilco Nienaber, Brandon Stone, Justin Walters e Dean Burmester. Proveranno a ribaltare le previsioni della vigilia, tra gli altri, l’olandese Joost Luiten, lo scozzese,Scott Jamieson, gli inglesi Ross McGowan, vincitore dell’Open d’Italia, Marcus Armitage e Steven Brown, gli spagnoli Adrian Otaegui e Adri Arnaus, l’australiano Scott Hend e il malese Gavin Green.

Andrea Pavan rientra dopo una pausa di un mese in un anno che non gli è stato sicuramente favorevole, mentre Scalise, che proprio in Sudafrica ha ottenuto il suo miglior risultato (15° nel South African Open a gennaio), va verso un finale di stagione in cui ha giocato in alternanza anche sul Challenge Tour. Il montepremi è di 19.500.000 rand (circa 1.068.000 euro).

Diretta su GOLFTV – Il Joburg Open sarà trasmesso in diretta da GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it) con collegamenti ai seguenti orari: giovedì 19 novembre, dalle ore 8 alle ore 11 e dalle ore 14 alle ore 16; venerdì 20, dalle ore 11 alle ore 16: sabato 21 e domenica 22, dalle ore 11 alle ore 15,30. Su Eurosport2 ed Eurosport Player: giovedì 19 novembre, dalle ore 14 alle ore 16; venerdì 20, dalle ore 12 alle ore 16; sabato 21, dalle ore 13,15 alle ore 15,30. Domenica 22, differita dalle ore 19,05 alle ore 21,05. Commento di Maurizio Trezzi e di Isabella Calogero.

Primo piano

  • Masters: come è nata
    la sua leggenda
    Masters: come è nata la sua leggenda 06/11/2020

    L’Augusta National fu costruito su un terreno deestinato a un hotel di lusso, ma un catastrofico evento naturale ha cambiato gli eventi.

Golf Story

  • Tre moschettieri
    e un super maestro
    Tre moschettieri e un super maestro 11/06/2018

    Ugo Grappasonni, Aldo Casera e Alfonso Angelini fanno parte della storia del golf italiano. E con loro il "maestro dei maestri" Pietro Manca.

Viaggi

Attualità

Cerca