24 Luglio 2021

Eurotour: Nacho Elvira fa il vuoto in Galles

Nacho Elvira (Getty Images) Nacho Elvira (Getty Images)

Lo spagnolo Nacho Elvira (197 - 64 67 66, -16) ha fatto il vuoto nel terzo giro del Cazoo Open (European Tour) sul tracciato del Celtic Manor Resort (par 71) di Newport in Galles, in cui ha portato a sei i colpi di vantaggio sul quartetto inseguitore composto dal finlandese Mikko Korhonen, dallo statunitense Chase Hanna, dall’inglese Callum Shinkwin e dal sudafricano Justin Harding (203, - 10). In sesta posizione con 204 (-9) l’inglese Sam Horsfield e in settima con 205 (-8) il giapponese Masahiro Kawamura e l’inglese Matt Wallace.

Nacho Elvira, 34enne madrileno con quattro successi sul Challenge Tour, ha l’occasione per ottenere il primo titolo sul circuito maggiore. Ha girato in 66 (-5) con sei birdie e un bogey. Prestazione da dimenticare per i quattro azzurri in gara tutti fuori dopo 36 buche: Lorenzo Gagli (70 77) e Aron Zemmer (72 75) 84.i con 147 (+5), Nino Bertasio 112° con 150 (75 75, +8) e Andrea Pavan 127° con 155 (78 77, +13), al dodicesimo taglio su altrettante presenze stagionali. Il montepremi è di 1.250.000 euro.

 

SECONDO GIRO - Lo spagnolo Nacho Elvira è il nuovo leader con 131 (64 67, -11) colpi del Cazoo Open (European Tour) sul tracciato del Celtic Manor Resort (par 71) di Newport in Galles. dove i quattro azzurri in gara hanno fatto una brutta figura uscendo tutti al taglio.

Elvira, 34enne madrileno senza titoli sul circuito, ma con quattro successi sul Challenge Tour, ha distaccato di due colpi lo svedese Vincent Norrman (133, -9) con il quale condivideva la leadership dopo un turnoo. In terza posizione con 134 (-8) il giapponese Masahiro Kawamura, in quarta con 135 (-7) l’inglese Matt Wallace, in quinta con 136 (-6) il sudafricano Jacques Kruyswijk, il finlandese Mikko Korhonen e lo statunitense Chase Hanna e in ottava con 137 (-5) il sudafricano Justin Harding.

Sono usciti di scena Lorenzo Gagli (70 77) e Aron Zemmer (72 75) 84.i con 147 (+5), Nino Bertasio 112° con 150 (75 75, +8) e Andrea Pavan 127° con 155 (78 77, +13), al dodicesimo taglio su altrettante presenze stagionali. Il montepremi è di 1.250.000 euro.

 

PRIMO GIRO - Lorenzo Gagli, 32° con 70 (-2) colpi, è stato il migliore tra i quattro italiani impegnati nel Cazoo Open (European Tour) sul tracciato del Celtic Manor Resort (par 71) di Newport in Galles. Coppia al vertice con 64 (-7) formata dallo svedese Vincent Norrman, autore di sette birdie senza bogey, e dallo spagnolo Nacho Elvira, che invece è andato in altalena con un eagle, nove birdie, due bogey e un doppio bogey. Al terzo posto con 66 (-5) il finlandese Mikko Korhonen e l’inglese James Morrison e al quinto con 67 (-4) nove concorrenti tra i quali l’australiano Wade Ormsby, il belga Nicolas Colsaerts e l’inglese Matt Wallace..

A metà classifica Aron Zemmer, 57° con 72 (+1), e più attardati Nino Bertasio, 105° con 75 (+4), e Andrea Pavan, 122° con 78 (+7), che rischia il dodicesimo taglio in altrettanti tornei disputati. Gagli ha segnato quattro birdie, un bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 1.250.000 euro

 

LA VIGILIA - Al Celtic Manor Resort di Newport in Galles, sede della Ryder 2010, si svolge il Cazoo Open (22-25 luglio), evento nato nel 2000 e che si è giocato con il nome di Wales Open, con una pausa dal 2015 al 2019, per poi tornare nel 2020 quando si è imposto il francese Romain Langasque, 26enne di Grasse, che non sarà in campo per difendere uno dei suoi due titoli sull’European Tour. L’evento è supportato da Gareth Bale, calciatore del Real Madrid e grande appassionato di golf.

Quattro gli azzurri impegnati: Nino Bertasio, che nell’ultima uscita è giunto 44° nello Scottish Open (Rolex Series), Lorenzo Gagli, uscito al taglio nell’occasione, Andrea Pavan, che proverà quanto meno a superare le prime 36 buche, dove di è arenato in tutti gli undici toprnei a cui ha preso parte in stagione, e Aron Zemmer, che ha una delle poche possibilità di gareggiare sul tour maggiore.

In un field piuttosto modesto i nomi degli inglesi Chris Wood, Sam Horsfield, Matt Wallace e Aron Rai, del finlandese Mikko Korhonen, dei sudafricani Justin Walters e Justin Harding, degli australiani Wade Ormsby e Scott Hend, dello spagnolo Adrian Otaegui e del cinese Haotong Li. Il montepremi è di 1.250.000 euro

Diretta su GOLFTV – Il Cazoo Open verrà trasmesso in diretta su GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it), con collegamenti ai seguenti orari: giovedì 22 luglio e venerdì 23, dalle ore 16:30 alle 21:30; sabato 24 e domenica 25, dalle ore 16,30 alle ore 21. Non vi sarà commento, ma si udiranno solo gli effetti dal campo.

Primo piano

  • Olimpiadi: a Tokyo
    sara la quarta volta
    per il golf. La storia
    Olimpiadi: a Tokyo sarà la quarta volta per il golf. La storia 25/07/2021

    A Tokyo 2020 il golf sarà di scena per la quarta volta nella storia delle Olimpiadi iniziata nel 1896 ad Atene in Grecia. Le gare si svolgeranno al Kasumigaseki Country Club di Saitomo, dal 29 luglio al 1 agosto quella maschile e dal 4 al 7 agosto quella femminile. In campo 120 giocatori, 60 uomini e altrettante donne che competeranno sulla distanza di 72 buche, senza taglio. Difenderanno i colori azzurri Guido Migliozzi e Renato Paratore (che vinse l’oro ai Giochi Giovanili nel 2014) e tra le 60 donne vi saranno Giulia Molinaro (alla seconda Olimpiade dopo Rio 2016) e Lucrezia Colombotto Rosso.

    Il percorso, stato inaugurato nel 1929, è uno dei più famosi del Giappone, il primo ad avere avuto 18 buche. Ha subito quasi immediatamente un restyling nel 1930 ad opera dell’architetto Charles Hugh Alison e nel 2016 Jim Fazio gli ha dato la configurazione attuale. 

    Il golf nel 1900 e nel 1904 – Il golf apparve ai Giochi Olimpici per la prima volta nel 1900 a Parigi. L’oro maschile nel golf toccò allo statunitense Charles Sands. (Cliccare sul titolo per continuare)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca