24 Luglio 2021

EYM: l’Italia termina quinta

La squadra azzurra La squadra azzurra

L’Italia (Michele Ferrero, Marco Florioli, Francesca Fiorellini, Lorena Rossettin) si è classificata al quinto posto con 653 (219 214 220, +5) colpi nell’European Young Masters c al Vierumäki Golf Club (par 72) di Vierumäki, in Finlandia. Il titolo è stato appannaggio della Germania (630 – 208 211 211, -18) che ha preceduto Spagna (637, -11), Francia (638, -10) e Repubblica Ceca (651, +3).

Nella graduatoria individuale maschile si è imposto con 207 (67 70 70, -9) lo spagnolo Jorge Siyuan Hao che nel giro conclusivo ha scavalcato il tedesco Tim Wiedemeyer, secondo con 212 (-4). Terzo con 213 (-3) il turco Can Gurdenli, quindi sesto Marco Florioli con 217 (76 70 71, +1) e settimo Michele Ferrero con 218 (72 73 73, +2).

Nell’individuale femminile successo della tedesca Helen Briem (205 – 69 71 65, -11) davanti alla belga Savannah De Bock e alla ceca Denisa Vodickova (207, -9). In nona posizione Francesca Fiorellini con 219 (71 71 77, +3) e in 27ª Lorena Rossettin con 233 (77 80 76, +17). Hanno accompagnato gli azzurri il capitano Giovanni Bartoli e l’allenatore Giovanni Gaudioso.

 

SECONDO GIRO - L’Italia (Michele Ferrero, Marco Florioli, Francesca Fiorellini, Lorena Rossettin) è rimasta al quinto posto con 433 (219 214, +1) dopo il secondo giro dell’European Young Masters che si conclude con la disputa del terzo al Vierumäki Golf Club (par 72) di Vierumäki, in Finlandia. Ha mantenuto la leadership la Germania (419, -13), che ha ulteriormente allungato sulla Spagna (427, -5) portando il vantaggio da cinque a otto colpi. In terza posizione la Francia (428, -4) che ha scavalcato la Repubblica Ceca, ora quarta con 432 (par).

Nell’individuale maschile si profila un duello finale tra il tedesco Tim Wiedemeyer (136 - 65 71, -8), che è rimasto al vertice, e lo spagnolo Jorge Siyuan Hao (137, -7) che si è portato a un colpo. Infatti ha uno svantaggio di sei lunghezze il francese Valentin Luna (142, -2) e di sette il suo connazionale Noa Auch-Roy (143, -1). All’ottavo posto con 145 (72 73, +1) Michele Ferrero, che ha disceso la classifica di due grandini, e al decimo con 146 (76 70, +2) Marco Florioli, che l’ha risalita di tredici.

Nell’individuale femminile ha proseguito la sua corsa d testa la ceca Denisa Vodickova (137 – 69 68, -7) che ha distaccato di tre colpi la tedesca Helen Briem, in vetta con lei dopo un giro e ora seconda insieme alla belga Savannah De Bock (140, -4). Quarta piazza per la spagnola Paula Martin (141, -3) e quinta per Francesca Fiorellini (142 – 71 71, -2). E’ 24ª con 157 (77 80, +13) colpi Lorena Rossettin. Accompagnano gli azzurri il capitano Giovanni Bartoli e l’allenatore Giovanni Gaudioso.

 

PRIMO GIRO - L’Italia (Michele Ferrero, Marco Florioli, Francesca Fiorellini, Lorena Rossettin) è al quinto posto con 219 (+) colpi nell’European Young Masters che si sta disputando al Vierumäki Golf Club (par 72) di Vierumäki, in Finlandia. In vetta la Germania con 208 (-8), che ha preso cinque colpi di vantaggio sulla Spagna (213, -3) con Repubblica Ceca (215, -1) e Francia (218, +2) che precedono gli azzurri.

Nella classifica individuale maschile leader con 65 (-5) il tedesco Tim Wiedemeyer davanti allo spagnolo Jorge Siyuan Hao (68, -4) e allo sloveno Ziga Babnik (69, -3). Al sesto posto con 72 (par) Michele Ferrero e al 23° con 76 (+4) Marco Florioli.

Nell’individuale femminile sono al comando con 69 (-3) la ceca Denisa Vodickova e la tedesca Helen Briem con l’iberica Paula Martin terza con 70 (-2). In quarta posizione con 71 (-1) Francesca Fiorellini insieme alla francese Inès Archer e alla belga Savannah De Bock e in 17ª con 77 (+5) Lorena Rossettin. La gara si svolge sulla distanza di 54 buche. Con il team azzurro il capitano Giovanni Bartoli e l’allenatore Giovanni Gaudioso.

 

LA VIGILIA - Michele Ferrero, Marco Florioli, Francesca Fiorellini e Lorena Rossettin. Questo il quartetto che rappresenterà l’Italia all’European Young Masters, prestigioso torneo giovanile in programma dal 22 al 24 luglio a Vierumäki, in Finlandia. Con il team azzurro anche il Capitano Giovanni Bartoli e l’allenatore federale Giovanni Gaudioso.

Al Vierumäki Golf Club l’evento si giocherà sulla distanza di 54 buche (18 al giorno). Tre le classifiche: a squadre (basata su tre risultati su quattro giornalieri di ogni team) e individuale maschile e femminile. Saranno invece 95 i concorrenti in gara in rappresentanza di 27 nazioni.

Nel 2020 in Repubblica Ceca l’Italia ha sfiorato il podio chiudendo al 4° posto nel torneo a squadre. Mentre nell’individuale maschile Flavio Michetti e Pietro Guido Fenoglio si classificarono rispettivamente in sesta e settima posizione, con la Fiorellini quarta nell’individuale femminile davanti alla Charlotte Cattaneo, 15ª.

L’Italia in questo evento ha conquistato la Nation’s Cup quattrovolte: nel 1997, 1998, 2007 e 2012.  Hanno vinto l’individuale maschile Roberto Paolillo (1997), Matteo Manassero (2007) e Renato Paratore (2012), mentre hanno prevalso nella graduatoria femminile Barbara Paruscio (1995), Giulia Sergas (1997) e Diana Luna (1998).

Primo piano

  • Superlega Araba: Henrik Stenson debutta, vince e si porta a casa 4.375.000 dollari
    Superlega Araba: Henrik Stenson debutta, vince e si porta a casa 4.375.000 dollari 01/08/2022

    Proprio quello che non t’aspetti e che forse neanche lui si atteneva. Lo svedese Henrik Stenson al debutto nella Superlega Araba, dopo essere stato defenestrato da capitano del Team Europe per la Ryder Cup 2023 a Roma, colpevole di essersi fatto contaminare dai petroldollari, ha vinto la prima gara a cui ha partecipato, il LIV Golf Invitational Bedminster. Ha chiuso il torneo con 202 (64 69 69, -11) colpi sul percorso del Trump National Golf Club (par 71) di Bedminster, in New Jersey negli Stati Uniti, struttura dell’ex presidente USA Donald Trump il quale è riuscito a scatenare polemiche per aver ospitato la manifestazione, per aver partecipato alla Pro Am d’apertura e anche per aver stimolato i campioni ad accettare le offerte (faraoniche) della Superlega.

    (Cliccare sul titolo per proseguire)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca