25 Luglio 2021

PGA Tour: Tringale leader, Reed a Tokyo

Patrick Reed Patrick Reed

Cameron Tringale, 33enne di Mission Viejo (California), leader con 201 (67 68 66, -12) colpi del 3M Open, prova a conquistare il suo primo titolo sul PGA Tour sul percorso del TPC Twin Cities (par 71), a Blaine nel Minnesota.

Tringale, alla 307ª gara sul circuito, è salito al vertice con un 66 (-5, un eagle, tre birdie), ma l’impresa appare difficile con una classifica molto corta in cui sono al secondo posto con 202 (-11) Maverick McNealy e Gary Woodland, e al quarto con 203 (-10) otto concorrenti tra i quali si trovano Jimmy Walker, il venezuelano Jhonattan Vegas, il sudafricano Charl Schwartzel e Ryan Armour, quest’ultimo in vetta dopo due turni insieme al canadese Adam Hadwin, sceso al 16° posto con 205 (-5). Stessa posizione per Keith Mitchell che partito dalla buca 10 ha iniziato con sette birdie di fila (poi due bogey hanno fatto 66, -5) uguagliando il primato in materia sul tour, conteggiato dal 2003, di Joe Durant (2005), Brandt Snedeker (2007) e del colombiano Sebastian Muñoz (2020).

Navigano a metà classifica il sudafricano Louis Oosthuizen, 16° con 205 (-8), Rickie Fowler, che ha ceduto dopo la leadership del primo giro, e Patrick Reed, 29.i con 207 (-6), insieme a Michael Thompson che difende il titolo,, e lo spagnolo Sergio Garcia, 43° con 209 (-4). Il montepremi è di 6.600.000 dollari.

DE CHAMBEAU POSITIVO, REED ALLE OLIMPIADI – Bryson DeChambeau è risultato positivo al Covid-19 nell’ultimo test prima di lasciare gli Stati Uniti e non parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo. Al suo posto è stato convocato Patrick Reed che difenderà i colori a stelle e strisce insieme a Justin Thomas, Collin Morikawa e a Xander Schauffele. Per Reed sarà la seconda presenza nella gara olimpica dopo quella a Rio 2016.

OUT ANCHE JON RAHM – Anche Jon Rahm è risultato positivo e ovviamente rinuncerà a Tokyo. Lo spagnolo, numero uno mondiale, a causa del Covid 19 era stato costretto a ritirarsi dopo il terzo giro del Memorial Tournament, che aveva praticamente già vinto, e malgrado le cure e la quarantena, èha contratto la stessa malattia a distanza di un mese e mezzo.

 

SECONDO GIRO - Doveva vincere per tornare sul trono mondiale e invece Dustin Johnson, numero due, ha chiuso con 142 (70 72, par) colpi, due oltre il limite di qualifica, ed è uscito al taglio nel 3M Open (PGA Tour), sul percorso del TPC Twin Cities (par 71), a Blaine nel Minnesota.

Sono al vertice con 132 (-10) il 45enne di Akron (Ohio) Ryan Armour (67 65), un titolo sul circuito datato 2017 (Sanderson Farms), e il 33enne canadese di Moose Jaw Adam Hadwin (67 65), un successo anche per lui nel 2017 (Valspar Championship), che hanno girato entrambi in 65 (-6) con sei birdie senza bogey.

Seguono con 133 (-9) Chez Reavie, Bo Hoag, il canadese Roger Sloan e il venezuelano Jhonattan Vegas e con 134 (-8) Maverick McNealy e Brian Stuard.

Posizione d’attesa per il sudafricano Louis Oosthuizen, quest’anno in grande spolvero nel major anche se non ne ha vinto alcuno, 19° con 136 (-6), e un solo giorno di gloria per Rickie Fowler, precipitato dal primo al 26° posto con 137 (-5) dopo un 73 (+2). In bassa classifica Patrick Reed e lo spagnolo Sergio Garcia, 54.i con 140 (-2). Il montepremi è di 6.600.000 dollari.

 

PRIMO GIRO - Dovrà faticare parecchio, ammesso che sia in grado di farlo in relazione alla forma attuale, Dustin Johnson per riprendersi la leadership mondiale. Infatti nel 3M Open (PGA Tour), che si sta disputando sul tracciato del TPC Twin Cities (par 71), a Blaine nel Minnesota, per riuscire a scalzare Jon Rahm (assente) ha la sola opzione di vincere, ma è decisamente partito con il piede sbagliato poiché è al 64° posto con 70 (-1) colpi e con l’illustre compagnia di Patrick Reed e dello spagnolo Sergio Garcia, due degli sparuti big in campo.

Johnson, numero due del World ranking, rende sei colpi al trio al vertice con 64 (-7) formato dal redivivo Rickie Fowler (sette birdie senza bogey), da Troy Merritt (otto birdie, un bogey) e dal venezuelano Jhonattan Vegas (sette birdie anche per lui). Il giro, che per maltempo ha subito una interruzione di 2 ore e 24 minuti, non è stato completato con undici giocatori fermati lungo il percorso. Tra costoro può apportare una variazione significativa alla classifica il canadese Roger Sloan, quarto con “meno 6” e che ha la possibilità con due buche da giocare di agganciare i primi o addirittura di sorpassarli. Non potranno invece far nulla Scott Stallings e Adam Schenk, quarti anche loro con 65 (-6) che sono giunti in club house.

Non ha perso molto terreno il sudafricano Louis Oosthuizen, 21° con 68 (-3), terzo la settimana scorsa nell’Open Championship e in grande spolvero nei major con un secondo posto nel PGA Championship e un secondo e un terzo posto nell’US Open, che per gli stravolgimenti imposti dal Covid-19 si è svolto due volte nella stagione del PGA Tour 2020-2021. Un colpo in più per Matthew Wolff, 38° con 69 (-2), vincitore del 3M Open nel 2019, Il montepremi è di 6.600.000 dollari.

 

LA VIGILIA - Dustin Johnson prova a riprendersi la leadership mondiale nel 3M Open (22-25 luglio) sul tracciato del TPC Twin Cities,  a Blaine nel Minnesota, dove difenderà il secondo dei due titoli conquistati in carriera Michael Thompson, 36enne di Tucson (Arizona).

Rari i big nel field dove suscita curiosità il sudafricano Louis Oosthuizen, terzo la settimana scorsa nell’Open Championship in una stagione in cui ha ottenuto anche un secondo posto nel PGA Championship e un secondo e un terzo posto nell’US Open, quest’ultimo major che per le bizzarrie di un calendario stravolto dal Covid-19 è entrato due volte in quello del 2020-2021.

Saranno al via, tra gli altri, anche Patrick Reed, Bubba Watson, Gary Woodland, Rickie Fowler, Matthew Wolff, a segno nel 3M Open del 2019, e lo spagnolo Sergio Garcia.

In teoria il grande favorito è Dustin Johnson, ma la valutazione si basa soprattutto sulla fiducia perché il numero due mondiale non appare in gran forma e non vince dallo scorso febbraio quando si impose nel Saudi International, un evento dell’European Tour. Il montepremi è di 6.600.000 dollari.

Il torneo su GOLFTV - Il 3M Open viene trasmesso in diretta da GOLF TV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it), agli orari indicati: giovedì 22 luglio e venerdì 23, dalle ore 20,30 alle 0,30; sabato 24 e domenica 25, dalle ore 19 alle ore 24. Commento in inglese.

Primo piano

  • Olimpiadi: a Tokyo
    sara la quarta volta
    per il golf. La storia
    Olimpiadi: a Tokyo sarà la quarta volta per il golf. La storia 25/07/2021

    A Tokyo 2020 il golf sarà di scena per la quarta volta nella storia delle Olimpiadi iniziata nel 1896 ad Atene in Grecia. Le gare si svolgeranno al Kasumigaseki Country Club di Saitomo, dal 29 luglio al 1 agosto quella maschile e dal 4 al 7 agosto quella femminile. In campo 120 giocatori, 60 uomini e altrettante donne che competeranno sulla distanza di 72 buche, senza taglio. Difenderanno i colori azzurri Guido Migliozzi e Renato Paratore (che vinse l’oro ai Giochi Giovanili nel 2014) e tra le 60 donne vi saranno Giulia Molinaro (alla seconda Olimpiade dopo Rio 2016) e Lucrezia Colombotto Rosso.

    Il percorso, stato inaugurato nel 1929, è uno dei più famosi del Giappone, il primo ad avere avuto 18 buche. Ha subito quasi immediatamente un restyling nel 1930 ad opera dell’architetto Charles Hugh Alison e nel 2016 Jim Fazio gli ha dato la configurazione attuale. 

    Il golf nel 1900 e nel 1904 – Il golf apparve ai Giochi Olimpici per la prima volta nel 1900 a Parigi. L’oro maschile nel golf toccò allo statunitense Charles Sands. (Cliccare sul titolo per continuare)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca