11 Settembre 2021

Campionati Nazionali Assoluti a Squadre

I team del Parco di Roma e di Monticello I team del Parco di Roma e di Monticello

(DA UFFICIO STAMPA FEDERGOLF)

Una settimana ricca di emozioni e di spettacolo per il golf italiano. Sui percorsi del Circolo Golf Torino La Mandria e al Golf Nazionale di Sutri (Viterbo) si sono disputati rispettivamente i Campionati Nazionali Assoluti a Squadre maschili e femminili. Gli eventi sono tornati protagonisti a due anni di distanza dall’ultima volta, dato che nel 2020 sono stati annullati causa Covid. A trovare il successo in Piemonte, al Circolo Golf Torino La Mandria, è stato il team del Parco di Roma formato da Guglielmo Della Porta, Giacomo Di Gennaro, Gianmarco Federici, Fabrizio Marzilli ed Odin Antonino Urso, che in finale ha sconfitto con il punteggio di 4-3 il Riviera. Nel femminile, al Golf Nazionale, la Coverciano del green, ad imporsi sono state le ragazze del Monticello, squadra composta da Eleonora Marabotti, Elisa Galli, Erika De Martini e Maria Vittoria Sari, che hanno sconfitto per 4-1 il team Padova.

Al Royal Park I Roveri (Torino) e al Golf Del Ducato – La Rocca di Sala Baganza (Parma), sono andati in scena la Qualifica maschile e quella femminile a Squadre. In Piemonte si aggiudica la competizione la squadra di casa, il Royal Park I Roveri, formata da Tommaso Rossin, Luca Memeo, Pietro Guido Fenoglio e Bruno Frontero, con un totale di 626 colpi. In seconda posizione si piazza il Croara Country Club con 639, mentre al terzo posto chiude La Pinetina Golf Club con uno score di 654. Nel femminile, invece, vince il team Varese composto da Francesca Pompa, Alice Anne D’Adamo e Anastasia Maroni, che grazie ad un punteggio di 436 colpi si piazza davanti al Royal Park I Roveri, secondo con 441 e all’Olgiata Golf Club, terzo con 444.

Sul percorso del Croara Country Club di Gazzola (Piacenza), si è giocato il Torneo di Selezione Maschile a Squadre e ad imporsi è stato il team Madonna di Campiglio con lo score di 290. La squadra formata da Leonardo Novarini, Gabriele Furlini e Robert Ress si è piazzata davanti al Matilde Golf, secondo con 294, e al Ducato – La Rocca, terzo con 296.

 

LA VIGILIA - Lo spettacolo è doppio con i Campionati Nazionali Assoluti a Squadre maschili e femminili (7-11 settembre) in scena rispettivamente al Circolo Golf Torino La Mandria e al Golf Nazionale di Sutri (Viterbo) che vedranno la partecipazione di 30 rappresentative. Con gli eventi (annullati per Covid-19 nel 2020) che tornano protagonisti due anni dopo l’ultima volta.

Il torneo maschile – In Piemonte, al Circolo Golf Torino La Mandria, saranno 18 le squadre in gara. A difendere il titolo sarà l’Olgiata Golf Club che, due anni fa, riuscì a superare in finale per 5-2 il Golf Club Monticello, ora alla ricerca della rivincita.

Le formazioni saranno composte tutte da cinque elementi. Il torneo comincerà con la qualificazione su 36 buche medal (il 7 e l’8 settembre, 18 al giorno, e per la classifica saranno validi i migliori quattro punteggi giornalieri su cinque). Poi, le migliori 8 si contenderanno il titolo nei match play (due foursome e cinque singoli). Le compagini che invece termineranno tra il nono e il sedicesimo posto effettueranno un turno eliminatorio (cinque singoli) e quelle vincenti saranno ammesse al Campionato Nazionale Assoluto 2022, le perdenti retrocederanno al Torneo di Qualifica. Proprio come quelle che, dopo la fase di qualificazione, si troveranno oltre il sedicesimo posto.

Il torneo femminile – Al Golf Nazionale, la Coverciano del green, 12 invece le compagini in gara formate ognuna da quattro giocatrici. Con il Golf Club Torino che proverà a bissare l’exploit del 2019 quando in finale superò la concorrenza (per 3-2) del Circolo del Golf Roma Acquasanta.

Come nell’evento maschile la competizione prevede una fase di qualificazione su 36 buche medal (il 7 e l’8 settembre) dove verranno presi in considerazione tre risultati su quattro in ciascun giro. Dunque le migliori otto si contenderanno il titolo nei match play (2 foursome e tre singoli). Le altre disputeranno un incontro eliminatorio e le vincenti giocheranno il Campionato Assoluto femminile nel 2022, le perdenti retrocederanno al Torneo di Qualifica.

Qualifica Maschile e Femminile a Squadre

Dal 9 all’11 settembre andranno in scena anche la Qualifica maschile e quella femminile a Squadre rispettivamente al Royal Park I Roveri di Druento (Torino) e al Golf Del Ducato – La Rocca di Sala Baganza (Parma).

Alla competizione maschile, al Royal Park I Roveri, 33 le formazioni protagoniste. Il torneo si giocherà sulla distanza di 54 buche (18 al giorno) con formula stroke play. Agli effetti della classifica conteranno i migliori tre score per giro di ogni squadra. Le prime sei classificate saranno promosse al Campionato Assoluto del 2022, quelle dal settimo al ventottesimo posto al Torneo di Qualifica del prossimo anno. Le altre potranno invece partecipare, nel 2022, al Torneo di Selezione.

Nella gara femminile 21 le compagini in campo. Anche in questo caso si competerà sulla distanza di 54 buche con formula stroke play. Verranno presi in considerazione i due “best” score per giro di ogni squadra. Le prime quattro saranno promosse al Campionato Assoluto del 2022, le altre saranno ammesse di diritto al torneo di Qualifica del prossimo anno.

Torneo di Selezione Maschile a Squadre

Il 10 e l’11 settembre al Croara Country Club di Gazzola (Piacenza) è invece in programma il Torneo di Selezione maschile. Che vedrà in gara 33 team duellare su 36 buche (18 al giorno) con formula stroke play. Conteranno i due migliori score per giro di ogni squadra e le prime otto classificate staccheranno il pass per giocare il Torneo di Qualifica del 2022.

 I LINKS ALLE CLASSIFICHE

Assoluto maschile a squadre

www.federgolf.it/attivita-agonistica/singola-gara/?id=8ca12fc0-b9e3-eb11-90c3-000d3ab5d402&sezione=4

Assoluto femminile a squadre

www.federgolf.it/attivita-agonistica/singola-gara/?id=8ba12fc0-b9e3-eb11-90c3-000d3ab5d402&sezione=4

Torneo Qualifica maschile

www.federgolf.it/attivita-agonistica/singola-gara/?id=8ea12fc0-b9e3-eb11-90c3-000d3ab5d402&sezione=4

Torneo Qualifica femminile

www.federgolf.it/attivita-agonistica/singola-gara/?id=8da12fc0-b9e3-eb11-90c3-000d3ab5d402&sezione=4 

Torneo di Selezione

www.federgolf.it/attivita-agonistica/singola-gara/?id=8fa12fc0-b9e3-eb11-90c3-000d3ab5d402&sezione=4

  

Primo piano

  • Olimpiadi: a Tokyo
    la quarta volta
    per il golf. La storia
    Olimpiadi: a Tokyo la quarta volta per il golf. La storia 25/07/2021

    A Tokyo 2020 il golf sarà di scena per la quarta volta nella storia delle Olimpiadi iniziata nel 1896 ad Atene in Grecia. Le gare si svolgeranno al Kasumigaseki Country Club di Saitomo, dal 29 luglio al 1 agosto quella maschile e dal 4 al 7 agosto quella femminile. In campo 120 giocatori, 60 uomini e altrettante donne che competeranno sulla distanza di 72 buche, senza taglio. Difenderanno i colori azzurri Guido Migliozzi e Renato Paratore (che vinse l’oro ai Giochi Giovanili nel 2014) e tra le 60 donne vi saranno Giulia Molinaro (alla seconda Olimpiade dopo Rio 2016) e Lucrezia Colombotto Rosso.

    Il percorso, stato inaugurato nel 1929, è uno dei più famosi del Giappone, il primo ad avere avuto 18 buche. Ha subito quasi immediatamente un restyling nel 1930 ad opera dell’architetto Charles Hugh Alison e nel 2016 Jim Fazio gli ha dato la configurazione attuale. 

    Il golf nel 1900 e nel 1904 – Il golf apparve ai Giochi Olimpici per la prima volta nel 1900 a Parigi. L’oro maschile nel golf toccò allo statunitense Charles Sands. (Cliccare sul titolo per continuare)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca