23 Novembre 2022

Caro bollette, successo dell’iniziativa FIG

Successo e partecipazione al Castello Tolcinasco Golf Resort & Spa di Pieve Emanuele (Milano) per l’iniziativa organizzata dal Presidente della Federazione Italiana Golf, Franco Chimenti, con il coinvolgimento di tutti i Circoli di golf italiani, volta a trovare una soluzione per contrastare le ricadute della crisi energetica e il conseguente “caro bollette”. Una tematica non più rinviabile, che sta mettendo in ginocchio lo sport e non solo.

“Per affrontare questa problematica drammatica è necessaria una sinergia tra la FIG e tutti i Circoli italiani con l’obiettivo di costituire un consorzio energetico al fine di mettere a fattor comune gli impatti patrimoniali degli investimenti da eseguire e i vantaggi da essi derivanti, così calmierando il costo dell’energia per tutti gli aderenti”. Questa la proposta avanzata dal Presidente della FIG, Chimenti. Con la Federazione che ha individuato in “Key to Energy” – società di consulenza leader nel settore a cui si rivolgono anche le principali aziende di Stato per affrontare le tematiche energetiche e le strategie necessarie ad affrontare la crisi in atto – il soggetto ideale per superare una questione sempre più attuale.

L’obiettivo, come sottolineato anche da Luca Piemonti in rappresentanza della Key to Energy, “è quello di individuare una soluzione strutturale di lungo periodo, tra stabilizzazione e contenimento delle spese energetiche dei circoli per i prossimi 20-30 anni e ricorso alla sostenibilità ambientale attraverso l’utilizzo delle energie rinnovabili”.

Una visione di lunga durata, dunque, che potrebbe però portare benefici a breve termine e di rilevante entità a medio termine.

Chimenti ha tenuto a ringraziare tutti i presenti – a partire da Francesco Antonio Giuseppe Stilo, Presidente del Castello Tolcinasco Golf Resort & Spa per la grande ospitalità – per l’importante partecipazione, elogiando i Circoli “che rappresentano l’espressione del golf italiano che sta vivendo un momento magico verso la Ryder Cup 2023 di Roma, un appuntamento planetario che porterà grandi benefici al Paese”.

All’iniziativa, oltre ai Presidenti dei Circoli, hanno preso parte tutti i vertici e i componenti della Federazione Italiana Golf, e lo studio legale Montone & Partners che assisterà la FIG sul progetto.

Primo piano

  • Una moneta dedicata
    alla Ryder Cup italiana
    nella Collezione
    Numismatica 2023
    07/02/2023

    Una moneta dedicata alla Ryder Cup 2023 italiana. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e il Poligrafico e Zecca dello Stato, hanno presentato a Roma, presso la Sala Ciampi del Ministero dell’Economia e delle Finanze, la nuova Collezione Numismatica 2023, emessa dal MEF e coniata dalla Zecca dello Stato. Una Collezione all’insegna dell’innovazione con omaggi al sociale, allo sport, alla moda e allo spettacolo.

    Dedicata alla Ryder Cup 2023 italiana una moneta 10 euro in argento rodiato - Alla 44esima edizione della Ryder Cup di Roma, fatto storico, è stata dedicata una moneta da 10 euro in argento rodiato (diametro di 34 millimetri per 22 grammi di peso). Non una semplice fior di conio, ma una moneta con elementi colorati ed effetto tridimensionale. Creata dall’artista Annalisa Masini, sul dritto è stato impresso il logo ufficiale della Ryder Cup che si staglia su una pallina da golf. Nel giro, la scritta Repubblica Italiana, separata ai lati da due bande di colore rosso e blu, identificative rispettivamente dell’Europa e degli Stati Uniti d’America che si sfideranno dal prossimo 29 settembre al 1° ottobre sul percorso del Marco Simone Golf & Country Club. 

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca