Golf Story

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    La passione per il golf arrivò improvvisa quando Samuel Ryder, facoltoso commerciante inglese di St. Albans che aveva fatto fortuna vendendo ortaggi e sementi di fiori, era già avanti con gli anni. L'impatto fu così violento che decise, nel tentativo di recuperare il tempo perduto e per migliorare il suo gioco, di assumere per mille sterline all'anno il professionista Abe Mitchell.

  • Titolo RIGA 1 RYDER CUP, UNA STORIA
  • Titolo RIGA 2 AFFASCINANTE
  • Titolo RIGA 3 INIZIATA NEL 1927

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    A Tokyo 2020 il golf sarà di scena per la quarta volta nella storia delle Olimpiadi iniziata nel 1896 ad Atene in Grecia. Le gare si svolgeranno al Kasumigaseki Country Club di Saitomo, dal 29 luglio al 1 agosto quella maschile e dal 4 al 7 agosto quella femminile.

  • Titolo RIGA 1 Olimpiadi: a Tokyo
  • Titolo RIGA 2 la quarta volta
  • Titolo RIGA 3 per il golf. La storia

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    Non esiste la perfezione nel golf, ma tutti sono d’accordo nel ritenere che Byron Nelson vi sia andato molto vicino. Probabilmente nel 1945, la sua stagione migliore nella quale vinse ben 18 tornei nell’US Pga Tour con una serie di undici titoli conquistati consecutivamente, ritenuto un record assoluto non soltanto nel golf, ma in tutti gli sport.

  • Titolo RIGA 1 "Lord Byron"
  • Titolo RIGA 2 gnetile nella vita
  • Titolo RIGA 3 un duro sul campo

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

  • Titolo RIGA 1 I "tre moschettieri"
  • Titolo RIGA 2 e il super maestro
  • Titolo RIGA 3 del golf italiano

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    Fu la stampa a dare il nome al torneo che Bobby Jones allestì nel 1934, appena ebbe finito di costruire l’Augusta National, invitando i suoi vecchi avversari e i campioni più celebrati dell’epoca

  • Titolo RIGA 1 Il primo Masters
  • Titolo RIGA 2 tra storia e leggenda

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    Da mediocre giocatore a mito del golf. Ecco la sua storia

     

  • Titolo RIGA 1 Ben Hogan
  • Titolo RIGA 2 la perfezione

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    La storia del Masters, ufficialmente iniziata nel 1934, forse si dovrebbe retrodatare di otto anni, perché senza l’uragano che investì la Florida nel settembre del 1926 gli eventi avrebbero preso sicuramente una strada diversa, magari senza neanche partire da Augusta.

  • Titolo RIGA 1 Masters: come è nata
  • Titolo RIGA 2 la sua leggenda

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

    Nessuno ancora ha eguagliato l'impresa di vincere quattro Open Championship consecutivi, record che resiste da 144 anni

  • Titolo RIGA 1 “Young” Tom Morris
  • Titolo RIGA 2 una leggenda

Informazioni aggiuntive

  • Sommario

     In carriera ha ottenuto 61 titoli, comprensivi di undici major. Tra le tredici fondatrici della LPGA americana, ne è stata presidente per tre volte

  • Titolo RIGA 1 Louise Suggs, un modello
  • Titolo RIGA 2 per il golf ideale

Primo piano

  • Open d’Italia Disabili
    Sanofi Genzyme:
    titolo a Tommaso Perrino
    Open d’Italia Disabili Sanofi Genzyme: titolo a Perrino 14/10/2021

    Tommaso Perrino cala il bis nell’Open d’Italia Disabili Sanofi Genzyme. Sul percorso del Royal Park I Roveri (par 72) di Fiano (Torino), il toscano - dopo il successo del 2019 (nel 2020 la gara non si è disputata per l’emergenza sanitaria da Covid-19) - si conferma il vincitore, con 148 (75 73 +4) colpi, della tappa italiana del circuito EDGA. Nella classifica “strokeplay medal” in seconda posizione, con 152 (+8), l’irlandese Cian Arthurs. Terzo il francese Hassan Chakboub con 160 (+16).

    Nella graduatoria “strokeplay pareggiata” Riccardo Bianciardi, con 132 (67 65) conquista il primo posto davanti ad Andrea Plachesi, secondo con 133 (65 68). Terzo, con 138 (69 69), Giuseppe Bagnarelli, che precede Pietro Andrini (stesso score complessivo, ma un peggior punteggio nelle ultime nove buche del round finale).

    Nel Campionato Italiano Disabili “strokeplay medal” è ancora Perrino a trionfare davanti a Riccardo Bianciardi. Nella classifica italiana “strokeplay pareggiata” primo posto per Andrea Plachesi, mentre nella graduatoria stableford tricolore il primo classificato è Rodolfo Cappellazzo con 81 punti (41 40) (Cliccare sul titolo per proseguire)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca