04 Settembre 2021

LETAS: Pegova show, Virginia E. Carta 4ª

Katharina Muehlbauer Katharina Muehlbauer

Un bel giro finale in 69 (-3, quattro birdie, un bogey) colpi e Virginia Elena Carta si è classificata quarta con 210 (70 71 69, -6) nel Flumserberg Ladies Open, torneo del LET Access, il secondo circuito femminile europeo, disputato al Gams-Werdenberg Golf Club (par 72) di Gams in Svizzera.

Ha vinto la russa Nina Pegova (205 – 71 69 65, -11) che ha superato al playoff la dilettante tedesca Charlotte Back (205 – 68 70 67). La Pegova ha rimontato dall’ottavo posto con un 65 (-7, nove birdie, due bogey), miglior score di giornata, arrivando in club house con un certo anticipo, poi la Back, che ha concluso in 67 (-5, sette birdie, due bogey), che aveva ancora tre buche da giocare, l’ha raggiunta con il settimo birdie alla 17ª ma nello spareggio l’esperienza ha fatto la differenza. Alla russa è andato un assegno di 6.400 euro su un montepremi di 40.000 euro.

Al terzo posto con 206 (-10) l’inglese Lily May Humphreys, un successo in stagione, e insieme alla Carta anche la svizzera Priscilla Schmid, l’indiana Amandeep Drall, l’austriaca Katharina Muehlbauer e la ceca Kristyna Napoleaova, le ultime due al vertice dopo due giri insieme alla Back. A metà classifica le due dilettanti azzurre che hanno superato il taglio, Erika De Martini, 38ª con 220 (74 72 74, +4), e Alessia Fornara, 54ª con 223 (75 73 75, +7), mentre la terza, Sara Bertelli 68ª con 154 (80 74, +10), è uscita al taglio per un colpo di troppo.

 

SECONDO GIRO - Virginia Elena Carta è scesa dal settimo al 12° posto con 141 (70 71, -3) colpi, rimanendo comunque in alta classifica, nel Flumserberg Ladies Open, torneo del LET Access, il secondo circuito femminile europeo, dove in vetta si è formato un terzetto con 138 (-6) colpi composto dalla ceca Kristyna Napoleaova (69 69), dall’austriaca Katharina Muehlbauer (71 67) e dalla dilettante tedesca Charlotte Back (68 70).

Sul percorso del Gams-Werdenberg Golf Club (par 72), a Gams in Svizzera. in gara anche tre dilettanti italiane delle quali due hanno superato il taglio: Erika De Martini, 35ª con 146 (72 74, +2), e Alessia Fornara, 44ª con 148 (75 73, +4), mentre è uscita Sara Bertelli, 68ª con 154 (80 74, +10), per un colpo di troppo.

Il trio di testa è seguito con 139 (-5) dalla belga Charlotte De Corte, dalla danese Fie Olsen, dall’indiana Amandeep Drall e dall’amateur francese Charlotte Liautier, leader dopo un turno. All’ottavo posto con 140 (-4) le inglesi Thalia Martin e Rachael Goodall, la russa Nina Pegova e la dilettante degli Emirati Arabi Uniti Chiara Noja.

Virginia Elena Carta ha girato in 71 (-1) colpi con tre birdie e due bogey, Erika De Martini in 72 (par) con due birdie e due bogey e Alessia Fornara in 73 (+1) con tre birdie e quattro bogey. Il montepremi è di 40.000 euro.

 

PRIMO GIRO - Virginia Elena Carta ha concluso al settimo posto con 70 (-2) colpi il primo giro del Flumserberg Ladies Open (2-4 settembre), evento del LET Access, il secondo circuito femminile europeo. Sul tracciato del Gams-Werdenberg Golf Club (par 72), a Gams in Svizzera, ancora una dilettante al proscenio in un circuito in cui per tre volte in dieci gare si sono imposte le amateur.

Nell’occasione si è presa la scena la francese Charlotte Liautier, leader con un 65 (-7, un eagle, sei birdie, un bogey), che precede la danese Fie Olsen (67, -5) e un’altra dilettante, la tedesca Charlotte Back (68, -4). Al quarto posto con 69 (-3) la ceca Kristyna Napoleaova e le inglesi Molly Lawrence e Lily May Humphreys, neopro e a segno in stagione (Golf Flanders LETAS Trophy. In campo anche tre dilettanti italiane: Erika De Martini, 40ª con 74 (+2), Alessia Fornara, 55ª con 75 (+3), e Sara Bertelli, 78ª con 80 (+8). Il montepremi è di 40.000 euro.

 

LA VIGILIA - In Svizzera, al Gams-Werdenberg Golf Club di Gams, andrà in scena il Flumserberg Ladies Open (2-4 settembre), torneo valido per il LET Access, secondo circuito femminile europeo che torna dopo una settimana di pausa. L’ultimo evento giocato è stato il PGA Championship By Trelleborgs Kommun al Tegelberga Golf Club in Svezia, vinto dalla padrona di casa Maja Stark. N

el Cantone di San Gallo, dove si svolgerà la manifestazione, le partecipanti proveranno a succedere nell’albo d’oro alla finlandese Sanna Nuutinen (vincitrice nel 2020). Tra queste, anche quattro italiane: Virginia Elena Carta (che si è recentemente qualificata per lo Stage II del LPGA Tour Qualifying School) e le dilettanti Sara Berselli, Erika De Martini e Alessia Fornara. Il montepremi è di 40.000 euro.

 

Primo piano

  • Olimpiadi: a Tokyo
    la quarta volta
    per il golf. La storia
    Olimpiadi: a Tokyo la quarta volta per il golf. La storia 25/07/2021

    A Tokyo 2020 il golf sarà di scena per la quarta volta nella storia delle Olimpiadi iniziata nel 1896 ad Atene in Grecia. Le gare si svolgeranno al Kasumigaseki Country Club di Saitomo, dal 29 luglio al 1 agosto quella maschile e dal 4 al 7 agosto quella femminile. In campo 120 giocatori, 60 uomini e altrettante donne che competeranno sulla distanza di 72 buche, senza taglio. Difenderanno i colori azzurri Guido Migliozzi e Renato Paratore (che vinse l’oro ai Giochi Giovanili nel 2014) e tra le 60 donne vi saranno Giulia Molinaro (alla seconda Olimpiade dopo Rio 2016) e Lucrezia Colombotto Rosso.

    Il percorso, stato inaugurato nel 1929, è uno dei più famosi del Giappone, il primo ad avere avuto 18 buche. Ha subito quasi immediatamente un restyling nel 1930 ad opera dell’architetto Charles Hugh Alison e nel 2016 Jim Fazio gli ha dato la configurazione attuale. 

    Il golf nel 1900 e nel 1904 – Il golf apparve ai Giochi Olimpici per la prima volta nel 1900 a Parigi. L’oro maschile nel golf toccò allo statunitense Charles Sands. (Cliccare sul titolo per continuare)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca