16 Dicembre 2020

Ryder Cup 2021: riparte la qualifica europea

La Ryder Cup (foto Getty Images) La Ryder Cup (foto Getty Images)

Per i giocatori europei riprende la qualificazione in vista della Ryder Cup che si disputerà al 24 al 26 settembre 2021 al Whistling Straits GC di Sheboygan nel Wisconsin in USA. L’assegnazione dei punti per le due classifiche dalle quali accederanno di diritto nove dei dodici componenti del Team Europe, affidato all’irlandese Padraig Harrington (che potrà disporre di tre wild card), aveva subito uno stop a marzo scorso a causa dell’emergenza sanitaria e ora ripartirà, come ha comunicato il board della Ryder Cup Europe, dal 1 gennaio 2021 per concludersi domenica 12 settembre, al termine del BMW PGA Championship, una delle gare fiore all’occhiello dell’European Tour che avrà luogo a Wentworth in Inghilterra.

Il 78° Open d’Italia tappa decisiva verso la sfida Europa-USA - In questa ottica assumerà molta importanza l’Open d’Italia (2-5 settembre), in programma al Marco Simone G&CC, circolo che ospiterà la Ryder Cup italiana nel 2023. La massima manifestazione golfistica nazionale sarà infatti la penultima tappa utile per staccare il biglietto con destinazione Stati Uniti. Un ulteriore motivo di interesse che alzerà il livello di adrenalina tra i campioni in campo.

L’European Point List riparte da Abu Dhabi - Per l’European Point List, che tiene conto dei punti acquisiti sul circuito continentale, si inizierà con l’Abu Dhabi HSBC Championship (21-24 gennaio) e per la World Point List, che fa riferimento alla posizione nella classifica mondiale, si ricomincerà con il Sentry Tournament of Champions (7-10 gennaio), evento del PGA Tour.

Variazione al valore dei punti - Saranno mantenuti i punti conseguiti prima della sospensione, mentre è stata approvata una variante all’assegnazione dei prossimi, valida per entrambe le graduatorie, richiesta dal capitano Harrington. Infatti i punti che saranno conquistati da gennaio fino a inizio maggio verranno moltiplicati per 1.5, mentre quelli acquisiti dal British Masters (9-12 maggio), dove difenderà il titolo Renato Paratore, fino al BMW PGA Championship saranno moltiplicati per 2. Al momento sarebbero qualificati per European Point List (quattro ammessi) l’inglese Tommy Fleetwood, lo spagnolo Jon Rahm, il nordirlandese Rory McIlroy e il francese Victor Perez, mentre per la World Point List (cinque qualificati), sono ai primi posti gli inglesi Tyrrell Hatton, Danny Willett, Matthew Fitzpatrick e Lee Westwood e l’austriaco Bernd Wiesberger.

Primo piano

  • Ben Hogan
    la perfezione
    Ben Hogan, la perfezione 16/02/2021

    Era un mediocre giocatore sul punto di lasciare il tour. Poi ebbe l’ispirazione: rivoluzionò la tecnica dello swing e nacque un mito. La sua storia

    Fu chiamato “the hawk”, lo sparviero, ma nessuno vedendolo giocare agli inizi della carriera avrebbe potuto ravvisare in Ben Hogan uno dei più grandi giocatori di golf di tutti i tempi. Nella sua splendida carriera ha conquistato ben nove titoli major, primo a vincerne tre nella stessa stagione, impresa emulata solo da Tiger Woods nel 2000. Hogan è scomparso il 25 luglio 1997 a Fort Worth, nel Texas, stato dove era nato il 13 agosto 1912, a Dublin.

    Hogan non ebbe una infanzia facile. La sua famiglia era povera e a dieci anni fu costretto ad andare a lavorare come caddie. Fu un segno del destino indelebile nella sua vita futura. A diciassette anni decise di intraprendere la carriera professionistica dando fondo ai suoi risparmi, ma i risultati sperati non vennero. I soldi finirono presto e fu costretto a enormi sacrifici per sostenere i costi di tre anni assolutamente frustranti. Così decise di dedicarsi all’insegnamento, trovando un posto nel club di Fort Worth. 

    (Per continuare cliccare sul titolo)

Golf Story

  • Masters: come è nata
    la sua leggenda
    Masters: come è nata la sua leggenda 06/11/2020

    La storia del Masters, ufficialmente iniziata nel 1934, forse si dovrebbe retrodatare di otto anni, perché senza l’uragano che investì la Florida nel settembre del 1926 gli eventi avrebbero preso sicuramente una strada diversa, magari senza neanche partire da Augusta. Ma andiamo con ordine. L’Augusta National rappresenta la realizzazione di un sogno di Robert Tyre Jones, detto Bobby, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi. Voleva fondare un circolo dove le tradizioni del gioco, alle quali era profondamente attaccato, fossero non solo osservate ma anche tramandate, ma desiderava anche un club in cui poter giocare insieme agli amici in un ambiente tranquillo, lontano dagli sguardi degli spettatori.

    Questa idea se l’era portata dietro per tutta la carriera da giocatore e, nel 1930, quando si ritirò dall’attività agonistica ad appena 28 anni, decise che era il momento di portarla a compimento. In quell’anno Jones aveva compiuto la più straordinaria impresa golfistica che si potesse immaginare: vincere i quattro major dell’epoca, diversi da quelli attuali... (continua cliccando sul titolo dell'articolo)

Viaggi

Attualità

Cerca