19 Luglio 2021

Symetra: la pioggia dice Emma Broze

Broze Emma Broze Emma

Una notte e un giorno d pioggia hanno reso impraticabile il Brook Lea Country Club (par 70) di Rochester nello stato di New York e pertanto non si sono potuti disputare gli ultimi due giri del Danielle Downey Credit Union Classic. Valida pertanto la classifica maturata al termine del secondo turno e la 25enne francese di Nervieux Emma Broze, laureata alla Oklahoma State University, che lo sveva terminato al vertice con 132 (67 65, -8) colpi si è ritrovata in tasca il primo titolo sul Symetra Tour.

In seconda posizione con 133 (-7) Rachel Rohanna, in terza con 134 (-8) Lilia Wu, Alison Emrey e la coreana Min A Yoon e nove concorrenti in sesta con 135 (-5) tra le quali Sierra Brooks, Casey Danielson e Laura Wearn.

E’ terminata al 52° posto con 139 (72 67, -1) Roberta Liti, che aveva concluso la prima frazione al 90°. Con questa rimonta ha superato il terzo taglio consecutivo. A Emma Broze è andato un assegno di 26.250 dollari su un montepremi di 175.000 dollari.

 

TERZO GIRO ANNULLATO - La pioggia che reso impraticabile il Brook Lea Country Club (par 70) di Rochester nello stato di New York, ha costretto gli organizzatori ad annullare in terzo giro del Danielle Downey Credit Union Classic (Symetra Tour) e a ridurre la gara da 72 a 54 buche. Si ripartirà con la classifica maturata al termine del secondo turno che vede la 25enne francese di Nervieux Emma Broze, laureata alla Oklahoma State University, leader con 132 (67 65, -8) colpi e Roberta Liti al 52° posto con 139 (72 67, -1). Il montepremi è di 175.000 dollari con prima moneta di 26.250 dollari.

 

SECONDO GIRO - Con un bel recupero propiziato da un 67 (-3) Roberta Liti è salita dal 90° al 52° posto con 139 (72 67, -1) colpi ed è rimasta in gara nel Danielle Downey Credit Union Classic (Symetra Tour) al Brook Lea Country Club (par 70) di Rochester nello stato di New York.

Nuova leader con 132 (67 65, -8) è la 25enne francese Emma Broze, una rookie alla quarta gara sul circuito con due tagli passati in bassa classifica su tre partecipazioni. Precede di misura Rachel Rohanna (133, -7) e di due lunghezze Lilia Wu, Alison Emrey e la coreana Min A Yoon (134, -6). Nove concorrenti al sesto posto con 135 (-5) tra le quali Casey Danielson e Laura Wearn.

Roberta Liti, che andrà a premio per il terzo evento consecutivo, ha segnato tre birdie senza bogey per il 67 (-3). Il montepremi è di 175.000 dollari con prima moneta di 26.250 dollari.

 

PRIMO GIRO - Roberta Liti, 90ª con 72 (+2) colpi, è in chiara difficoltà nel Danielle Downey Credit Union Classic, evento del Symetra Tour che ha luogo al Brook Lea Country Club (par 70) di Rochester nello stato di New York. Classifica cortissima e cinque leader: Katelyn Dambaugh, Allison Emrey, Riley Rennell, Carley Cox e l’australiana Stephanie Na con 66 (-4). Seguono a un colpo nove concorrenti: Kaitlyn Papp, Rachel Rohanna, Becca Huffer, Laura Wearn, Gigi Stoll, Sarah Hoffman, la coreana Sandy Choi, la francese Emma Broze e l’indiana Nishtha Madan (67, -3).

Roberta Liti, reduce da due tagli superati nel circuito, ha segnato due birdie e quattro bogey. Il montepremi è di 175.000 dollari con prima moneta di 26.250 dollari.

 

LA VIGILIA - Nel Danielle Downey Credit Union Classic (15-18 luglio), sul percorso del Brook Lea Country Club a Rochester nello stato di New York, Roberta Liti proverà ad andare a premio per la terza volta consecutiva nel Symetra Tour. La 26enne di Colle di Val D’Elsa (Siena) ha ottenuto i migliori risultati nel Casino del Sol Golf Classic (sesta), in questo circuito, e al Ladies Italian Open (settima e miglior azzurra) sul LET. Rimanendo al Symetra Tour in un totale di nove partecipazioni, oltre al sesto posto citato, ha cocluso la gara in altre tre occsioni e in cinque è uscita al taglio.

La toscana affronterà ottime giocatrici quali, tra le altre, la cinese Ruixin Liu, la tedesca Sophie Hausmann, le americane Bailey Tardy, Lilia Vu e Casey Danielson che, con l’exploit al Donald Ross Classic, è volata in testa all’ordine di merito del secondo circuito americano femminile. Nel 2019 – nel 2020 la competizione è stata annullata per Covid – si è imposta la tailandese Patty Tavatanakit, promossa poi sul LPGA Tour e quest’anno vincitrice dell’ANA Inspiration, il primo dei cinque major femminili. Il montepremi è di 175.000 dollari con prima moneta di 26.250 dollari.

Primo piano

  • "Lord Byron"
    gnetile nella vita
    un duro sul campo
    "Lord Byron" gentile nella vita, un duro sul campo 30/06/2021

    Non esiste la perfezione nel golf, ma tutti sono d’accordo nel ritenere che Byron Nelson vi sia andato molto vicino. Probabilmente nel 1945, la sua stagione migliore nella quale vinse ben 18 tornei nell’US Pga Tour con una serie di undici titoli conquistati consecutivamente, ritenuto un record assoluto non soltanto nel golf, ma in tutti gli sport. Sempre in quell’anno si classificò anche sette volte secondo, inanellò in sequenza di diciannove giri sotto i 70 colpi, impresa affatto facile in un’epoca dove le attrezzature erano ben diverse da quelle odierne. La media colpi fu di 68,33 con un 67,45 per gli score dell’ultimo giro.

    Nelson è deceduto il 26 settembre 2006, all’età di 94 anni. Figlio di un coltivatore di cotone era nato il 4 febbraio del 1912 a Waxahachie, in Texas, nei pressi di Forth Worth. Nella stessa zona viveva anche il giovane Ben Hogan che Byron sconfisse in una gara riservata ai caddie nel 1927. (Cliccare sul titolo per continuare)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca