21 Luglio 2021

Italian Challenge Open al via. La Pro-Am al team del francese Brun

Lorenzo Scalise Lorenzo Scalise

(Da Ufficio Stampa Federgolf)

L’attesa è finita. Dopo la Pro-Am - vinta dal team guidato dal francese Julien Brun con 89 punti - al Golf Club Margara di Fubine Monferrato (Alessandria) è tutto pronto per l’Italian Challenge Open (22-25 luglio), sesto appuntamento dell’Italian Pro Tour 2021. Inserito anche nel calendario del secondo circuito europeo maschile, l’evento vedrà in gara pure 22 azzurri (di cui 4 amateur). Da Matteo Manassero a Lorenzo Scalise, gli italiani puntano in alto in Piemonte e inseguono il primo successo stagionale sul Challenge Tour. Scalise, secondo nel 2019, è tra i più in forma del momento. Mentre Manassero, reduce dall’11/o posto in Austria all’Euram Bank Open, vuole l’impresa.

Prima la 25esima edizione del Ladies Italian Open. Ora l’Italian Challenge Open. Il golf internazionale torna protagonista al Golf Club Margara per uno dei tornei più attesi del circuito di gare nazionali e internazionali della FIG.

Pro-Am al team di Julien Brun ma a vincere è stata anche l’inclusione – La Pro-Am (che ha visto protagoniste 14 squadre, tutte composte da un pro e tre dilettanti, sulla distanza di 18 buche) ha aperto l’attesa settimana dell’Italian Challenge Open. A imporsi è stata la compagine capitanata dal “pro” Brun con Francesco Garino, Dante Orsi e Giuseppe Righetti. Con lo stesso punteggio, 89 punti, ha chiuso la squadra dello scozzese Craig Howie con Silvia Audisio, Matteo Camillo Dore e Stefano Cazzetta. Ma in virtù del miglior score nelle seconde nove la contesa se l’è aggiudicata la squadra di Brun. Mentre in terza posizione con 88 punti ecco Federico Maccario con Lorenzo Boglione, Filippo Crosato ed Egisto Mantovani. Quarta piazza (87 punti) per Alessandro Tadini, Jacopo Morelli, Marco Jimmy Luison e Roberto Molina, giocatore diversamente abile. Per una sfida all’insegna anche dell’inclusione - punto imprescindibile del progetto Ryder Cup 2023 – nell’ambito di uno sport contro ogni barriera. Quinto posto con 86 punti per Filippo Bergamaschi con Adolfo Courrier, Paolo Roviera e Andrea Azzolini.

Due i trionfi azzurri nel torneo – Dal 2007 a oggi due i trionfi italiani nel torneo che portano la firma di Edoardo Molinari (campione nel 2009) e Matteo Delpodio (vincitore nel 2015). Con Scalise runner up nel 2019 (quando fu battuto al play-off dall’inglese Matthew Jordan).

Ventidue gli azzurri in campo quest’anno. Al fianco dei professionisti anche 4 amateur: Gregorio De Leo, Giovanni Manzoni, Pietro Bovari e Filippo Celli.

Nel field anche sei tra i migliori dieci giocatori dell’ordine di merito del Challenge Tour 2021 – Nel field dell’Italian Challenge Open figurano anche i nomi e i cognomi di sei tra i primi dieci della classifica dell’ordine di merito del Challenge Tour 2021. Insieme al leader, lo spagnolo Santiago Tarrio, ecco poi il francese Julien Brun (terzo), gli scozzesi Ewen Ferguson (quarto) e Craig Howie (settimo), il sudafricano Oliver Bekker (quinto) e l’olandese Daan Huizing (nono).

Mentre saranno otto (su 13 totali) i giocatori in campo con almeno già un successo sul Challenge Tour 2021: Santiago Tarrio (vincitore del D+D Real Czech Challenge e del Challenge de Espana), Juan Carlo Ritchie (Bain’s Whisky Cape Town Open), Craig Howie (Range Servant Challenge by Hinton Golf), Félix Mory (Dormy Open), Daan Huizing (Irish Challenge), Kristof Ulenaers (Challenge de Cadiz), Julien Brun (Open de Bretagne) e Manley Stuart (Euram Bank Open).

All’appello mancherà invece il tedesco Hurly Long che, nel 2020, ha trionfato in Piemonte sul percorso del Golf Club Castelconturbia di Agrate Conturbia (Novara).

Formula e montepremi – L’Italian Challenge Open si disputa sulla distanza di 72 buche con taglio dopo 36 che lascerà in gara i primi 60 classificati, i pari merito al 60° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di qualifica. Il montepremi – tra i più alti del Challenge Tour 2021 – è di 300.000 euro con prima moneta di 48.000.

Il percorso – Un’eccellenza golfistica immersa nella natura tra colline, vigneti e le Alpi sullo sfondo. In Monferrato, patrimonio mondiale dell’umanità, sorge il Golf Club Margara, costruito nel 1970 e ultimato nel 1972. Due i campi di gara, entrambi di 18 buche. Il primo, “Percorso Glauco Lolli Ghetti” – in memoria del fondatore Glauco Lolli Ghetti, che fu un armatore e dirigente sportivo italiano, nominato Cavaliere del Lavoro nel 1973 -, è circondato da alberi ad alto fusto e permette di giocare tra querce, salici e aceri lungo i larghi fairway che si sviluppano tra le colline del Monferrato. Il secondo, “La Guazzetta”, presenta un’architettura più moderna e alterna buche più tecniche. Il Golf Club Margara è già stato il teatro di gara di ben 21 edizioni del Challenge Tour tra il 1981 e il 2008 e quest’anno ha ospitato pure la 25esima edizione del Ladies Italian Open.

Gli Sponsor – L’Italian Pro Tour ha il supporto di DS Automobiles (Main Sponsor); Fideuram (Official Bank); Kappa ed Eureco (Official Supplier); Corriere dello Sport, Tuttosport, Il Giornale (Media Partner. Official advisor: Infront.

Social Partner – Il circuito sostiene Sport Senza Frontiere Onlus che da anni porta avanti un progetto di inclusione sociale attraverso il golf

 

Primo piano

  • Olimpiadi: a Tokyo
    sara la quarta volta
    per il golf. La storia
    Olimpiadi: a Tokyo sarà la quarta volta per il golf. La storia 25/07/2021

    A Tokyo 2020 il golf sarà di scena per la quarta volta nella storia delle Olimpiadi iniziata nel 1896 ad Atene in Grecia. Le gare si svolgeranno al Kasumigaseki Country Club di Saitomo, dal 29 luglio al 1 agosto quella maschile e dal 4 al 7 agosto quella femminile. In campo 120 giocatori, 60 uomini e altrettante donne che competeranno sulla distanza di 72 buche, senza taglio. Difenderanno i colori azzurri Guido Migliozzi e Renato Paratore (che vinse l’oro ai Giochi Giovanili nel 2014) e tra le 60 donne vi saranno Giulia Molinaro (alla seconda Olimpiade dopo Rio 2016) e Lucrezia Colombotto Rosso.

    Il percorso, stato inaugurato nel 1929, è uno dei più famosi del Giappone, il primo ad avere avuto 18 buche. Ha subito quasi immediatamente un restyling nel 1930 ad opera dell’architetto Charles Hugh Alison e nel 2016 Jim Fazio gli ha dato la configurazione attuale. 

    Il golf nel 1900 e nel 1904 – Il golf apparve ai Giochi Olimpici per la prima volta nel 1900 a Parigi. L’oro maschile nel golf toccò allo statunitense Charles Sands. (Cliccare sul titolo per continuare)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca