14 Novembre 2022

PGA Tour: Tony Finau domina, 47° F. Molinari

Tony Finau Tony Finau

Ancora Tony Finau, che ha letteralmente dominato nel Cadence Bank Houston Open dove si è imposto con 264 (65 62 68 69, -16) colpi siglando il quinto titolo in carriera, il terzo nel 2022 a partire da luglio. Sul percorso del Memorial Park Golf Course (par 70), dove il maltempo ha creato più di un problema, Francesco Molinari si è classificato 47° con 282 (69 71 72 70, +2) recuperando nel round conclusivo cinque posizioni con un 70 (par).

Finau, 33enne di Salt Lake City, alla 218ª gara sul PGA Tour, dopo la prima parte della carriera in cui si è distinto soprattutto come regolarista (in totale 55 top ten), ha cambiato passo dall’agosto del 2021, quando ha vinto iil Northern Trust, cinque anni dopo il primo successo (Puerto Rico Open, 2016). Poi i due titoli a luglio scorso (3M Open e Rocket Mortgage Classic). A Houston ha iniziato il quarto giro con quattro colpi di vantaggio, dopo aver eguagliato con 195 (-15) lo score più basso del torneo sulle 54 buche stabilito nel 1980 da Curtis Strange. Ha forzato nelle prime nove buche (quattro birdie) per evitare sorprese, ha poi tirato i remi in barca, forse fin troppo (tre bogey, parziale di 69, -1), ma senza rischiare perché il margine è rimasto lo stesso su Tyson Alexander, secondo con 268 (-12).

Finau, alla seconda gara del circuito 2022-2023 e out al taglio nella prima la scorsa settimana (World Wide Technology Championship), è salito dal 15° al 12° posto nel World Ranking, con i 500 punti acquisiti si è posizionato al settimo posto nella graduatoria della FedEx Cup e ha ricevuto un assegno di 1.512.000 dollari su un montepremi di 8.400.000 dollari. E’ la seconda volta che va a segno nelle sette in cui ha cominciato al vertice l’ultimo round.

In terza posizione con 269 (-11) l’inglese Ben Taylor e in quarta con 272 (-8) Trey Mullinax, Alex Smalley e lo svedese Alex Noren. Per la seconda settimana consecutiva Scottie Scheffler, numero due mondiale, ha fallito l’attacco al leader del World Ranking, il nordirlandese Rory McIlroy. Avrebbe avuto bisogno di un successo, ma è terminato nono con 274 (-6) insieme ad altri sei concorrenti tra i quali Gary Woodland e l’inglese Justin Rose.

Francesco Molinari ha concluso la gara con quattro birdie e altrettanti bogey. Nel terzo giro Ryan Armour ha realizzato la seconda “hole in one” (buca 7, par 3 di 169 yards) della sua carriera sul PGA Tour dopo quella firmata nel 2020 al Rocket Classic. Il 46enne di Akron si è classificato 27° con 278 (-2).

 

TERZO GIRO - La fuga verso la vittoria di Tony Finau, la prova incolore di Francesco Molinari, la "hole in one" di Ryan Armour e le difficoltà di Scottie Scheffler. In Texas, il "moving day" dello Houston Open, torneo del PGA Tour, ha regalato spettacolo. Al Memorial Park GC (par 70), l'americano Finau - numero 15 del world ranking - con un totale di 195 (65 62 68, -15) colpi ha eguagliato il miglior punteggio della competizione dopo 54 buche.

E negli Stati Uniti insegue il quinto successo in carriera sul PGA Tour. Il 33enne di Salt Lake City, ad un giro dal termine vanta quattro colpi di vantaggio nei confronti dell'inglese Ben Taylor, secondo con 199 (-11) e sette su sull’inglese Justin Rose (ex numero 1 al mondo) e sugli statunitensi Wyndham Clark e Tyson Alexander, terzi con 202 (-8).
Tra i big, Scottie Schauffele - secondo nel world ranking - è solo 25° con 207 (-3). Il 26enne di Ridgewood (New Yersey) non sembra avere alcuna chance di vittoria e, per la seconda settimana consecutiva, si prepara a dire addio alla possibilità di sorpassare, in vetta alla classifica mondiale, il nordirlandese Rory McIlroy (assente per l'occasione).

Ancora difficoltà per Francesco Molinari, solo 52° con 212 (69 71 72, +2) dopo un round in 72 (+2), con tre bogey e un birdie.
Prodezze per Ryan Armour. L'americano, 20° con 206 (-4), ha siglato la seconda “buca in uno” della sua carriera sul PGA Tour dopo quella firmata nel 2020 al Rocket Classic. Il 46enne di Akron ha realizzato la magia alla buca 7 (par 3 di 169 yards, oltre 154 metri).

 

SECONDO GIRO - Maltempo protagonista in Texas nello Houston Open. Pioggia e vento fermano il secondo round del torneo del PGA Tour, con 61 giocatori costretti a rientrare in Club House senza ancora averlo ultimato. Tutto rinviato, dunque.

Così come i primi verdetti. Al Memorial Park GC (par 70), prova non esaltante per Francesco Molinari che scivola dalla 38/a alla 65/a posizione provvisoria. Il torinese, che ha giocato 11 buche del secondo giro, è sul "+1" di giornata e in stretto par per quel che riguarda il totale. Per lui tre bogey e due birdie, con l'azzurro chiamato a cambiare ritmo per evitare l'uscita al taglio.

Negli Usa, ancora una grande prova per Tony Finau. Lo statunitense, numero 15 al mondo con quattro titoli sul circuito, di cui due arrivati nel 2022 (rispettivamente al 3M Open e al Rocket Classic), è rimasto da solo in vetta con uno score di 127 (65 62, -13) colpi, quattro di vantaggio nei confronti del connazionale Patrick Rodgers, 2/o con 131 (-9) davanti a un altro americano, Tyson Alexander 3/o con 132 (-8). Sul "-8", ma dopo 15 buche giocate, c'è pure lo svedese Alex Noren.

Ottimo inizio di secondo giro per Scottie Scheffler. Numero 2 mondiale, è risalito dalla 53/a alla 14/a posizione. Il 26enne di Ridgewood (New Jersey) è sul "-5" totale dopo 13 buche giocate in cui ha realizzato un eagle e tre birdie. Con un parziale di 62 (-8), frutto di dieci birdie e due eagle, Finau - 33enne di Salt Lake City - ha eguagliato il suo score personale più basso in un evento del PGA Tour.

 

PRIMO GIRO - In Texas, il primo round dello Houston Open di golf è stato sospeso per l'arrivo dell'oscurità con 13 giocatori chiamati ad ultimare le 18 buche di apertura. Al Memorial Park GC (par 70), nel torneo del PGA Tour, Francesco Molinari ha fatto registrare un giro in 69 (-1), con tre birdie e due bogey, ed è 38/o. Il torinese è distante quattro colpi dalla vetta occupata, con uno score di 65 (-5), dallo svedese Alex Noren e dagli americani Aaron Wise, Tony Finau. Sul "-5", ma con ancora una buca da completare, c'è pure un altro statunitense: Tyson Alexander.

Non è iniziata al meglio la gara di Scottie Scheffler. Runner up lo scorso anno, il numero 2 mondiale è 53/o con 70 (par) al fianco, tra gli altri, del giapponese Hideki Matsuyama. Per tornare in vetta alla classifica del world ranking, e superare il nordirlandese Rory McIlroy (assente per l'occasione), Scheffler in Texas è chiamato alla vittoria. Con Molinari, al 38/o posto, ecco pure Zach Johnson, capitano del team Usa alla Ryder Cup 2023 di Roma, e Lee Hodges, protagonista di eagle alla buca 1 (par 4 di 516 yards), con un colpo imbucato da 212 yards (193, 8 metri).

 

LA VIGILIA - Francesco Molinari torna subito in campo per partecipare al Cadence Bank Houston Open, in programma dal 10 al 13 novembre. Nella 75ª edizione del torneo del PGA Tour, che avrà luogo sul percorso del Memorial Park Golf Course, a Houston in Texas, il torinese che ieri, 8 novembre, ha compiuto 40 anni, proverà a cambiare passo dopo il 68° posto in Messico, maturato per un calo di ritmo nelle ultime 36 buche, pur avendo iniziato in terza posizione.

Fari puntati su Scottie Scheffler, numero due mondiale e unico della top ten del World Ranking in gara, che per la seconda settimana consecutiva avrà l’opportunità di far scendere dal trono il leader Rory McIlroy, assente nell’occasione. Scheffler, secondo lo scorso anno insieme a Kevin Tway che sarà anche lui della partita, ha mancato la prima opportunità giungendo terzo in Messico dopo un gran giro finale, ma tardivo (aveva bisogno di un primo posto o di un secondo in solitudine), dimostrando però di essere in buona condizione e in grado di tornare al successo (l’ultimo nel Masters Tournament ad aprile).

Nel field Russell Henley, vincitore domenica scorsa del World Wide Technology Championship at Mayakoba in Messico e di questo evento nel 2017, Tony Finau, Harris English, Jimmy Walker, Sam Burns, Gary Woodland, il giapponese Hideki Matsuyama, secondo nel 2021, il coreano Si Woo Kim, l’australiano Jason Day e gli inglesi Danny Willett, Justin Rose e Matt Wallace. Ci sarà soltanto un altro past winner, Jim Herman (2016), mentre sarà assente il campione uscente Jason Kokrak. Il record di vittorie della gara, nata nel 1946, appartiene con tre allo statunitense Curtis Strange e al fijiano Vijay Singh, il solo ad aver conseguito la doppietta consecutiva. Il montepremi è di 8.400.000 dollari.

Il torneo su GOLFTV e su Eurosport 2 - Il Cadence Bank Houston Open sarà trasmesso in diretta da GOLFTV e da Eurosport 2 con collegamenti ai seguenti orari su entrambe le piattaforme: da giovedì 10 novembre a domenica 13, dalle ore 19 alle ore 22. Commento di Nicola Pomponi e di Alessandro Bellicini.

HERO CUP: F. MOLINARI E FLEETWOOD, CAPITANI DEI DUE TEAM IN GARA A GENNAIO 2023 - Francesco Molinari e l’inglese Tommy Fleetwood sono stati nominati capitani rispettivamente dei team dell’Europa Continentale e della Gran Bretagna & Irlanda che saranno di fronte nella Hero Cup, il primo torneo del DP World Tour nel 2023 in programma dal 13 al 15 gennaio all’Abu Dhabi Golf Club di Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti. Le due compagini, composte di dieci elementi, si confronteranno sulle tre giornate di gara in incontri di foursome, di fourball e singoli. E’, in sostanza, una sorta di preparazione per i giocatori europei in vista della Ryder Cup 2023, che si terrà dal 29 settembre al 1° ottobre sul percorso del Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma). L’evento è stato voluto dall’inglese Luke Donald, capitano del Team Europe, che seguirà da vicino la competizione.

Primo piano

  • Superlega Araba: si fanno soldi a palate e il Paperone è Dustin Johnson
    Superlega Araba: si fanno soldi a palate e il Paperone è Dustin Johnson 31/10/2022

    Il LIV Golf Team Championship, ultimo evento del 2022 della Superlega araba, va alla formazione di Dustin Johnson che a Miami trascina la compagine "4 Ages GC" a un successo milionario. La squadra vincitrice, con un totale di 281 (-7) colpi, si è portata a casa 16 milioni di dollari a fronte di un montepremi complessivo di 50.000.000, il più alto di sempre per una competizione di gruppo.

    Dopo aver fatto loro quattro dei primi sette eventi, Johnson, Patrick Reed, Talor Gooch e Pat Perez, hanno calato il "pokerissimo" al Trump National Doral, campo di proprietà dell'ex presidente degli Stati Uniti che ha partecipato alla Pro-Am di apertura della kermesse. Con questo exploit, il quartetto ha portato a 28.250.000 dollari i guadagni ottenuti solo negli eventi a squadre. Con Johnson che si è distinto come il giocatore che più ha incassato nella prima stagione della LIV Golf. L'americano, ex numero 1 al mondo, prima di questa gara aveva già guadagnato 30.758.000 dollari (di cui 18.000.000 per il trionfo nella classifica individuale) a cui ora se ne devono aggiungere altri 4.000.000.

    (Per continuare a leggere cliccare sul titolo)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca