22 Novembre 2022

Ryder Cup: Colsaerts vice capitano europeo

Nicolas Colsaerts Nicolas Colsaerts

Verso l’edizione italiana della Ryder Cup 2023, Nicolas Colsaerts entra a far parte del Team Europe di Luke Donald come terzo vicecapitano. Per la sfida tra Vecchio Continente e Usa, che per la prima volta nella sua storia il prossimo anno (dal 29 settembre al 1° ottobre) si giocherà in Italia, sul percorso del Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma), la spedizione continentale potrà contare su una figura carismatica e di esperienza come Colsaerts. Il 40enne di Schaerbeek, che va ad aggiungersi agli altri due vicecapitani già nominati, il danese Thomas Bjorn e il torinese Edoardo Molinari, è stato tra i protagonisti della Ryder Cup 2012, poi ribattezzata come il “miracolo di Medinah”. Dopo aver ricevuto una wild card dall’allora capitano del Team Europe, lo spagnolo José María Olazábal, negli Stati Uniti e al fianco dell’inglese Lee Westwood, diede il via a un autentico show nel match di doppio fourballs del venerdì pomeriggio vinto (per 1 up) contro Tiger Woods e Steve Stricker. Al debutto nella competizione, realizzò otto birdie e un eagle.

Professionista dal 2000, nel palmares vanta tre successi sul DP World Tour, in quello che all’epoca veniva chiamato European Tour, di cui due arrivati nel 2011 (rispettivamente al Volvo China Open e al Volvo World Match Play Championship). Nel 2019 l’ultima affermazione sul circuito (Amundi Open de France). Ma in bacheca il belga annovera, tra gli altri, due exploit sul Challenge Tour e uno sull’Alps Tour. Colsaerts peraltro ha un buon feeling con l’Open d’Italia, dove ha sfiorato l’impresa sia nel 2010 (si classificò terzo al Royal Park I Roveri di Torino) che nel 2020 (secondo allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo, in provincia di Brescia).

Le dichiarazioni

Nicolas Colsaerts – “Quando Donald mi ha chiesto di ricoprire questo importante incarico ho provato una gioia incredibile. Ogni volta che sento la parola Ryder Cup, i miei ricordi tornano al 2012 e all’orgoglio provato per aver fatto parte di un evento unico giocato in difesa dei colori europei. Il ruolo di vicecapitano è diverso da quello del giocatore, ma l’obiettivo resta lo stesso: fornire il miglior contributo possibile alla squadra. Abbiamo già due vicecapitani fantastici come Bjorn ed Edoardo Molinari, con cui c’è peraltro un legame speciale. Fin da giovanissimo, quando uno inizia a fare sport, la prima cosa che ti viene detta e insegnata è che l’importante sia partecipare. E’ tutto verissimo, così com’è vero che quando indossi i colori europei e giochi una Ryder Cup, non vuoi fare altro che vincere. E questo è quello che proveremo a fare a Roma”.

Luke Donald – “A dire il vero, Colsaerts era nei miei pensieri già da due mesi. Insieme abbiamo giocato la Ryder Cup 2012 e in quella occasione ho visto cosa significasse per lui la Ryder Cup. Quando gli ho chiesto di entrare nel Team Europe, aveva la pelle d’oca. Sono molto felice di averlo nel mio staff, è una persona fantastica che va d’accordo con tutti i giocatori del DP World Tour”.

Primo piano

  • Superlega Araba: si fanno soldi a palate e il Paperone è Dustin Johnson
    Superlega Araba: si fanno soldi a palate e il Paperone è Dustin Johnson 31/10/2022

    Il LIV Golf Team Championship, ultimo evento del 2022 della Superlega araba, va alla formazione di Dustin Johnson che a Miami trascina la compagine "4 Ages GC" a un successo milionario. La squadra vincitrice, con un totale di 281 (-7) colpi, si è portata a casa 16 milioni di dollari a fronte di un montepremi complessivo di 50.000.000, il più alto di sempre per una competizione di gruppo.

    Dopo aver fatto loro quattro dei primi sette eventi, Johnson, Patrick Reed, Talor Gooch e Pat Perez, hanno calato il "pokerissimo" al Trump National Doral, campo di proprietà dell'ex presidente degli Stati Uniti che ha partecipato alla Pro-Am di apertura della kermesse. Con questo exploit, il quartetto ha portato a 28.250.000 dollari i guadagni ottenuti solo negli eventi a squadre. Con Johnson che si è distinto come il giocatore che più ha incassato nella prima stagione della LIV Golf. L'americano, ex numero 1 al mondo, prima di questa gara aveva già guadagnato 30.758.000 dollari (di cui 18.000.000 per il trionfo nella classifica individuale) a cui ora se ne devono aggiungere altri 4.000.000.

    (Per continuare a leggere cliccare sul titolo)

Golf Story

  • I "tre moschettieri"
    e il super maestro
    del golf italiano
    I "tre moschettieri" e il super maestro del golf italiano 15/04/2021

    Da 2 al 5 settembre prossimo tornerà l’Open d’Italia. Sarà la 78ª edizione dell’evento nato nel 1925  che però in tanti anni ha espresso solo sei vincitori italiani, due capaci di fare doppietta, Ugo Grappasonni (1950-1954) e Francesco Molinari (2006-2016) che si sono affiancati a Francesco Pasquali, a segno dell’edizione inaugurale del 1925, Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e a Massimo Mannelli (1980). Tra i "magnifici sei" soffermiamo l’attenzione su Aldo Casera e Ugo Grappasonni, due esponenti dei mitici "Tre moschettieri" del golf italiano. 

    Del trio faceva parte anche Alfonso Angelini, che non ebbe mai la fortuna di vincere l’Open, ma che detiene un primato probabilmente destinato a perenne imbattibilità: si impose per ben dieci volte nel Campionato Nazionale Omnium, oggi Campionato Nazionale Open.  La loro storia si intreccia con quella di un altro grandissimo personaggio, Pietrino Manca "il maestro dei maestri" che ha trascorso tutta la sua vita al Circolo Golf Roma Acquasanta

    (Cliccare sul titolo per continuare a leggere)

Viaggi

Attualità

Cerca